Australian Open 2023, Tommy Paul mette fine al sogno di Shelton: vince in 4 set e vola in semifinale

Tommy Paul Tommy Paul - Foto Ray Giubilo

Tommy Paul si aggiudica con il punteggio di 7-6(6) 6-3 5-7 6-4 il derby tutto a stelle e strisce contro Ben Shelton e conquista un posto in semifinale agli Australian Open 2023. Un match durato poco più di 3 ore e ben giocato dal più esperto dei due tennisti, che ha avuto solo un momento di blackout quando si è trovato non troppo lontano dal vincere la sfida già nel corso del terzo parziale sul 4-3 e servizio in suo favore. Paul è stato però in grado di cancellare quel momento ed è subito tornato in controllo del match nella quarta frazione. Con questo risultato entra nei primi 20 del ranking mondiale e venerdì contenderà un posto in finale a uno tra Djokovic e Rublev.

PROGRAMMA E COPERTURA TV

TABELLONE

MONTEPREMI

Il primo set è decisamente equilibrato, non si vede l’ombra di una palla break e si arriva ovviamente al tie-break, dove Paul si impone per otto punti a sei senza però dover annullare alcun set point al suo avversario. Nel secondo parziale Shelton non concretizza un paio di occasioni sul 2-2 e nel game successivo perde il suo primo turno di battuta del match alla quarta palla break offerta. Paul va avanti e non si volta più indietro, aggiudicandosi il set per 6-3.

Le difficoltà del giovane 20enne nativo di Atlanta proseguono e aumentano nella terza frazione, in cui si nota chiaramente come gli inizino a mancare un po’ le gambe. Riesce a salvarsi in un interminabile game di servizio sull’1-1, ma pochi minuti più tardi Paul riesce comunque a breakkare sul 3-3, portandosi così ad un passo da un’incredibile semifinale. Ovviamente la tensione si fa sentire sulle spalle del 25enne del New Jersey, che inizia ad irrigidirsi e sbagliare colpi che fino a quel momento era riuscito a controllare senza problemi. Paul, che non aveva ancora mai perso il servizio nel match, ne perde due dal 4-3 avanti e cede la frazione per 7-5.

Ad inizio quarto set è però bravo a resettare, ottenendo un break decisamente importante a livello mentale nel primo game. Shelton continua a sembrare il più stanco dei due e di fatto non riesce mai ad impensierire il connazionale nei successivi turni di risposta. Resta in scia, annullando anche tre match point sul 3-5, ma chiamato a servire per il match Paul chiude a quindici e conquista un posto tra i migliori quattro del torneo.