Coppa Davis, Piquè: “Rivendichiamo ancora 50 miloni di euro dall’ITF”

Gerard Pique - Foto Doha Stadium Plus Qatar CC BY 2.0

“Dopo la rescissione da parte dell’Itf c’è ora una disputa in cui rivendichiamo 50 milioni di dollari. Non possiamo dire di più a causa delle restrizioni sulla riservatezza. Ma sono molto orgoglioso di tutto ciò che abbiamo fatto. Abbiamo ribaltato la concorrenza e abbiamo trovato il Covid, che era qualcosa di impossibile da prevedere. Molte leghe e federazioni si sono adattate a questa situazione e l’Itf ha deciso di non voler rinegoziare quei termini. Così da un giorno all’altro l’accordo finisce e ci siamo dovuti adattare come azienda. Abbiamo investito più di 100 milioni in Coppa Davis in quattro anni e questo è scandaloso. E volevamo investire di più”. Gerard Piqué racconta in un’intervista a Marca da presidente di Kosmos delle pendenze con la Federazione Internazionale Tennis. “Crediamo che quello che abbiamo fatto con la Coppa Davis sia una clamorosa storia di successo – dice Piqué – Siamo arrivati con una competizione decadente e a livello sportivo, economico, soprattutto, e di pubblico, abbiamo dato una svolta al torneo. Ciò è evidente e verificabile con i numeri. Abbiamo moltiplicato per quattro il reddito in un anno. Siamo passati da tre a 15 sponsor. Succede che nel 2020 arriva il Covid e stravolge tutto in tutti gli sport. Avevamo un accordo con l’Itf, gli pagavamo una cifra molto importante, direi fuori mercato, 40 milioni l’anno. In una competizione simile, come l’Atp Cup, che era la stessa, Tennis Australia ha pagato 10 milioni all’Atp. Quindi pagavamo quattro volte di più. Nel 2020 non c’è stata la Coppa Davis, durante una parte del 2021 si è giocata a porte chiuse. La soluzione che stavamo pagando era fuori mercato”.

Dietloff von Arnim, presidente della Federazione tedesca di tennis e candidato alla presidenza dell’ITF, ha dichiarato una settimana fa che “Il disastro che abbiamo vissuto con Kosmos ha enormi conseguenze finanziarie per l’ITF”. Piqué risponde così: “Ho visto il commento e penso che le persone non siano informate, o non lo sanno, o è che vogliono usarci per una questione politica, elettorale, perché hanno le elezioni ad agosto. Il presidente della federazione tedesca aveva un buon rapporto con noi. L’Itf, con il nostro accordo, ne ha beneficiato. In questo momento ha contratti che abbiamo firmato per un valore di 70 milioni di euro. La Billie Jean King Cup ha chiuso in Andalusia grazie a noi. Ciò che abbiamo dato loro rispetto a ciò che abbiamo ricevuto è oltraggioso. Crediamo che tutto ciò che è successo sia molto ingiusto. Credo che la Coppa Davis durerà due o tre anni con i contratti che abbiamo chiuso a suo tempo, ma vedo un futuro complicato. Tra quattro o cinque anni penso che la Coppa Davis non sarà più dell’ITF. Sarà dall’ATP o di una terza parte che l’acquisterà, perché i soldi non troveranno la direzione”.