Verona-Lecce, Zaffaroni: “Vittoria pesante, dobbiamo continuare così”

Marco Zaffaroni Marco Zaffaroni, Verona - Foto LiveMedia/Fabrizio Carabelli

“Questa vittoria ha un peso grande perché era gara particolare, un po’ sullo stile di quella con la Cremonese. Sono partite sempre complicate dal punto di vista mentale e nervoso, la squadra l’ha affrontata con l’atteggiamento giusto”. Il tecnico dell’Hellas Verona, Marco Zaffaroni, ha analizzato il successo ottenuto dai suoi gialloblu al Bentegodi con il Lecce. “Continuiamo a insistere dall’inizio del nostro percorso sul non sbagliare atteggiamento che significa battaglia su tutti punti di vista, sulle seconde palle, sui contrasti, si deve lottare su ogni pallone: oggi abbiamo fatto la gara che dovevamo fare e portato a casa un risultato importante, ma ora bisogna continuare. Abbiamo cambiato marcia, ma è merito dei risultati che sono stati importanti per ricreare fiducia e autostima, questo automaticamente fa crescere tutti anche dal punto di vista fisico e delle qualità tecniche: la squadra sta migliorando, anche questo risultato ci deve dare fiducia ancora di più sapendo che il percorso è lungo e difficile. Nei campionati la difficoltà è durare nel tempo, dobbiamo avere la capacità di mantenere questa linea con costanza e abnegazione. Per tre mesi dobbiamo tenere la testa bassa, non mollare di un centimetro e continuare su questa strada”, ha detto Zaffaroni che mira a una salvezza che poche giornate fa sembrava impossibile.
Il tecnico ha concluso spendendo due parole su Henry, uscito in barella per un preoccupante infortunio, e su Ilic, attorno al quale circolano insistenti voci di mercato. “Henry adesso ha dolore. In settimana faranno le valutazioni, il problema è al ginocchio, ma aspettiamo gli esami strumentali prima di dire qualsiasi cosa. Ilic è un giocatore potenzialmente di altissimo livello, per questa squadra è importante, poi però ci sono altre dinamiche nelle quali non voglio entrare. Oggi lo avevamo, ha fatto una grande partita con i suoi compagni e per oggi va bene così”.