Mattarella: “Mi manca il tennis, amo la pallavolo. A calcio stavo in panchina”

Sergio Mattarella, FOTO BIZZI

“La racchetta da tennis mi ha accompagnato fin da ragazzo e mi dispiace ancora di avere interrotto decenni addietro. Come tutti i miei coetanei giocavo al calcio anche se il mio ruolo era abitualmente quello della panchina, prezioso perchè consentiva di fornire consigli. Non me ne rammarico anche perchè adesso sono obbligato a sostenere gli arbitri. Non ho motivo di nascondere che, quando mi è possibile, seguo la pallavolo e i suoi successi”. Così il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, in un’intervista rilasciata alla ‘Gazzetta dello Sport’. Mattarella prosegue citando “un grande uomo di sport, Alex Zanardi. Una persona che ha sofferto e che ha sempre reagito. Ho presente il suo sorriso, il suo ottimismo. Zanardi ha testimoniato cosa sia davvero lo sport: prima di tutto gioia di vivere. Gli mando un grande saluto”.