Dani Alves in galera accusato di stupro, l’avvocato della vittima: “Ha denunciato con addosso i segni della violenza”

Dani Alves Dani Alves, Brasile - Foto LiveMedia/Sebastian El-saqqa/DPPI

Dani Alves è ancora in galera in Spagna, dopo la denuncia di una donna che accusa l’ex Barcellona e Juventus di stupro. L’esterno brasiliano, reduce dai Mondiali 2022 in Qatar, dovrà ora rispondere alle accuse mosse contro di lui, ogni giorno più dettagliate. L’avvocato Ester Gacía López, che difende la presunta vittima di molestie, ha infatti dichiarato ai brasiliani di “Uol” che Dani Alves non ha utilizzato il preservativo e che la donna “fortunatamente ha lasciato la discoteca in ambulanza direttamente all’Unità centrale per le aggressioni sessuali”, così da poter immediatamente sporgere denuncia con ancora addosso i segni della violenza. Inoltre, non essendoci stato l’uso di preservativo, la donna si sta sottoponendo a esami contro le malattie sessualmente trasmissibili, soffrirebbe di insonnia e sta ricevendo cure psichiatriche.