Pattinaggio artistico: morto all’età di 66 anni l’ex allenatore Gilles Beyer

Pattinaggio Artistico

L’ex allenatore di pattinaggio artistico Gilles Beyer, nel 2020 accusato di stupro e violenza sessuale da diverse donne tra le quali la sua ex allieva Sarah Abitbol, è morto all’età di 66 anni, ha reso noto il suo avvocato. Beyer è stato al centro di un clamoroso scandalo all’inizio del 2020, quando l’ex pattinatrice Abitbol lo accusò nel libro ‘Un silenzio così lungo’ di ripetuti stupri e aggressioni sessuali, subiti tra i 15 e i 17 anni, all’inizio degli anni 90. Tuttavia, non aveva denunciato Beyer, data la prescrizione dei fatti. In una dichiarazione scritta Beyer aveva riconosciuto i rapporti “intimi” e “inappropriati” con la Abitbol, scusandosi. Nel gennaio 2021 era stato incriminato da un giudice istruttore per violenza e molestie sessuali da parte di persona avente autorità e posto sotto controllo giudiziario per presunti fatti più recenti. “Sono sotto shock se ne va prima di essere giudicato, mi sarebbe piaciuto che ci fosse un processo”, ha detto Abitol. La sua morte porta infatti alla chiusura dell’inchiesta giudiziaria “per estinzione dell’azione pubblica”, ha spiegato il legale di Beyer.