Australian Open 2023: Giorgi supera in due set Schmiedlova e approda al terzo turno

Camila Giorgi Camila Giorgi - Foto LiveMedia/Rob Prange/DPPI

Camila Giorgi sconfigge in due set Anna Karolina Schmiedlova e prosegue il suo cammino all’Australian Open 2023. Nel match valido per il secondo turno dell’Happy Slam, l’azzurra s’impone con il punteggio di 6-4 6-3 e si qualifica per il terzo turno a Melbourne per la quinta volta in carriera. Bella vittoria da parte di Camila, che ha alternato vincenti a errori gratuiti, così come game solidi a brutti passaggi a vuoto. Nel complesso, però, è stata superiore all’avversaria e ha fatto la differenza nei momenti chiave, meritando il successo maturato dopo 1h30′. Giorgi vendica dunque la sconfitta in finale a Katowice nel 2015 (unico precedente tra le due) e anche la connazionale Martina Trevisan, sconfitta all’esordio proprio da Schmiedlova. La tennista marchigiana raggiunge al terzo turno Jannik Sinner (unico altro azzurro a essersi spinto così avanti) e affronterà adesso Belinda Bencic o, in caso di una clamorosa sorpresa, l’americana Liu.

L’INTERVISTA POST-MATCH

PROGRAMMA E COPERTURA TV

TABELLONE

MONTEPREMI

CRONACAOttima partenza di Giorgi, che inizia a tirare vincenti fin da subito e opera il break già nel game d’apertura. Nonostante riesca a consolidarlo poco dopo, con il passare dei game arrivano anche i gratuiti (compresi i doppi falli) e Camila cede la battuta, sprecando il proprio vantaggio. Poco male perché Schmiedlova mette in campo poche prime e viene aggredita in risposta dall’azzurra, che torna alla carica e si riprende il break di vantaggio. Nel finale di set a regnare sono i servizi e, senza altri sussulti particolare, Giorgi riesce a prevalere per 6-4.

Più rocambolesca la seconda frazione, in cui si susseguono break e contro break a rotta di collo. La prima a cedere il servizio è Camila, che fatica parecchio nel secondo gioco, specialmente a causa di una serie interminabile di doppi falli (tutti commessi quando serve da destra). Ancora una volta, tuttavia, Schmiedlova non ne approfitta e, anche per via di qualche soluzione tattica discutibile, rimette in corsa la sua avversaria. Nel momento che conta, dunque, Giorgi sale in cattedra e conquista tre giochi di fila, affidandosi sia al servizio che alle sue doti in risposta. Dopo circa novanta minuti, sarà lei a qualificarsi per il terzo turno.