Tennis, Masters 1000 Indian Wells: Federer-Nadal atto 36. Kyrgios batte Zverev

Roger Federer - Foto Ray Giubilo

Giornata caldissima nel deserto californiano, come calde sono le fasi dell’Atp Masters 1000 di Indian Wells che entra sempre più nel vivo. Completo è ora il quadro degli ottavi con l’ottavo di finale più atteso alla vigilia che si è allineato: a nemmeno due mesi dallo spettacolo della finale in Australia sarà ancora Rafael Nadal contro Roger Federer, atto 36 della sfida eterna.

Nella serata italiana Rafael Nadal ha sconfitto con il punteggio di 6-3 7-5 il connazionale, e finalista a Dubai, Fernando Verdasco. Ottima prova per il tre volte campione a Indian Wells che ha giocato un buonissimo primo set, dove è stato impeccabile alla battuta, e solo avanti di un break nel secondo ha avuto una flessione di due game che lui stesso in conferenza stampa ha definito orribili. Poi Nadal si è riassestato fino a chiudere il match piazzando il break decisivo nell’undicesimo game. Battuto Verdasco per la terza volta su tre a Indian Wells come successe già l’anno scorso e nel 2007, sempre a livello di terzo turno.

Non manca all’appuntamento con il re-match della finale australiana Roger Federer: l’elvetico, testa di serie numero 9 in California, batte il countryman americano Steve Johnson con il punteggio di 7-6 (3) 7-6 (4) . Un buon Federer, forse un po’ lontano dal giocatore stratosferico visto in Australia, ma in ottima condizione atletica che è riuscito a domare un Johnson in ottima giornata con servizio e dritto. Non si è visto nemmeno un break, impeccabile nei tie-break il 18 volte campione slam.

Oltre al successo di Novak Djokovic su Juan Martin Del Potro, vittoria anche per Nick Kyrgios, in uno dei quarti di tabellone più duri di sempre, che vince l’atteso incontro con Alexander Zverev per 6-3 6-4 e ora sfiderà ancora Nole dopo la vittoria sul serbo ad Acapulco. Match che ha un po’ deluso le aspettative e che ha visto prevalere l’australiano, piuttosto superiore dal punto di vista del gioco a conferma delle difficoltà già riscontrate dal tedesco nel turno precedente con Bagnis. Da antologia il punto sul 4-3 Kyrgios 30-0 Zverev nell’ottavo game del secondo con l’australiano che mette in mostra tutto il repertorio, dal tweener alla volèe smorzata “no look”. Break decisivo nel decimo game per Kyrgios che nel secondo set ha provato a mettersi nei guai, instaurando teatrini con l’arbitro Mourier e portandosi contro buona parte dello stadio, ma alla fine è riuscito a chiudere il match.

Il primo a portarsi agli ottavi, nella serata italiana è stato Kei Nishikori che senza alcun patema ha battuto il portabandiera lussemburghese a Rio 2016 Gilles Muller col punteggio di 6-2 6-2.

Vittoria anche per l’eterna promessa a stelle e strisce Donald Young che, dopo aver battuto il campione di Acapulco Sam Querrey, ha sconfitto anche il francese Lucas Pouille con il punteggio di 6-4 1-6 6-3. Ha rischiato la rimonta al terzo quando si è trovato avanti 5-0 e ha visto l’avversario risalire fino al 5-3, per poi chiudere al settimo match point e regalarsi l’ottavo contro Nishikori.

Vittoria al terzo set anche per il tunisino Malek Jaziri che sconfigge l’americano Taylor Fritz, accreditato di una wild card in California, con il punteggio di 6-4 3-6 6-3. Il tunisino è per la seconda volta tra i migliori sedici in un Masters 1000 dopo Shanghai 2014.

Ad affrontare Jaziri in ottavi ci sarà Jack Sock: l’americano compie l’impresa del giorno, batte con il punteggio di 3-6 6-3 7-6 (7) il bulgaro Grigor Dimitrov dopo due ore e mezzo di gioco. Il nativo di Lincoln, Nebraska, conferma il buon trend contro il bulgaro che, peraltro, è l’unico giocatore ad aver vinto già due titoli in questa stagione (Brisbane e Sofia), e vince il terzo incontro in quattro sfide contro Dimitrov. C’è di più: “Sock’n’roll”, come qualcuno ama chiamarlo in patria, è eroico nell’annullare ben quattro match point, tre consecutivi sul 5-4 per Dimitrov e il quarto sotto 7-6 al tie-break. Molto bravo Sock che ora può puntare quanto meno al quarto di finale opposto al tunisino contro il quale ha già vinto lo scorso anno a Stoccolma (anche il quel caso, gioco sorte, 7-6 al terzo).

 

Risultati

Jaziri b. [Wc] T. Fritz 6-4 3-6 6-3
[17] J. Sock b. [12] G. Dimitrov 3-6 6-3 7-6 (7)
Young b. [14] L. Pouille 6-4 1-6 6-3
[4] K. Nishikori b. [25] G. Muller 6-2 6-2
[5] R. Nadal b. [26] F. Verdasco 6-3 7-5
[9] R. Federer b. [24] S. Johnson 7-6 (3) 7-6 (4)
[15] N. Kyrgios b. [18] A. Zverev 6-3 6-4
[2] N. Djokovic b. [31] J. Del Potro 7-5 4-6 6-1

About the Author /

Nato a Fossombrone (Pesaro e Urbino) il 10/02/1993. Mi sono laureato in lingue e culture straniere per l'impresa all'Università degli Studi di Urbino "Carlo Bo", studiando la lingua inglese e la lingua russa. Amante dello sport, scrivo per sportface.it sulla mia grande passione: il tennis. Cresco seguendo l'icona di Rafa Nadal e amo il "davaj" di Elena Vesnina