Masters 1000 Indian Wells 2021: Sinner eliminato agli ottavi, Fritz trionfa in due set

Jannik Sinner Jannik Sinner - foto Ray Giubilo

Termina agli ottavi di finale il percorso di Jannik Sinner nel Masters 1000 di Indian Wells 2021. Sconfitta amara per il tennista azzurro, travolto da Taylor Fritz per 6-4 6-3. Un punteggio eloquente che non lascia spazio a molte interpretazioni, ma che merita delle precisazioni. Il classe 2001 era infatti partito bene, portandosi avanti di un break e issandosi sul 4-2. All’improvviso il blackout: otto games consecutivi in favore dell’americano, che con il passare dei minuti è salito in cattedra, imponendosi dopo un’ora e 42′ di gioco. Brutta battuta d’arresto anche in ottica Finals per Sinner, chiamato ad un finale di stagione maiuscolo per tentare di qualificarsi a Torino.

IL TABELLONE

IL MONTEPREMI

RIVIVI LA DIRETTA

CRONACA – Buona partenza dell’azzurro, che scende in campo concentrato ed ottiene subito un break. Fritz replica a tono ricucendo lo svantaggio, ma Sinner gli strappa nuovamente la battuta e allunga sul 4-2, consolidando il vantaggio. Da questo momento iniziano i guai per Jannik, che perde il settimo gioco ai vantaggi prima di subire un break a zero. Quindi un altro game vinto facilmente da Fritz ed una lotta intensa sul 5-4. Ad avere la meglio è sempre l’americano, che approfitta dei tanti doppi falli commessi dall’altoatesino ed al quarto set point incamera il parziale.

In avvio di secondo set regna l’equilibrio, ma Fritz si rivela più cinico del suo avversario e la spunta ai dettagli. I primi due game sono lottati, con chance per entrambi, ma se li aggiudica lo statunitense. A senso unico invece terzo e quarto gioco, con Sinner che si disunisce e consente al suo avversario di scappare. L’azzurro non molla e tenta di riaprire il match, accorciando le distanze. Tuttavia Fritz risulta essere piuttosto solido in battuta e tiene in mano le redini del set, assicurandoselo per 6-3 nonostante un piccolo rischio. Secondo italiano di fila sconfitto dal 23enne di San Diego, che dopo Berrettini supera anche Sinner e vola ai quarti.