Europei Under 21: Italia-Spagna 1-3, le pagelle. Azzurrini eliminati in semifinale

Luigi Di Biagio - Foto Nazionale Calcio CC BY 2.0

L’Italia abbandona l’Europeo Under 21 in Polonia venendo eliminata dalla Spagna in semifinale per 3-1. Un Saul Niguez in versione super elimina gli “Azzurrini”, approfittando anche della scellerata espulsione di Gagliardini. Bernardeschi, ultimo ad abbandonare la nave, realizza la rete dell’illusione.

Le pagelle dell’Italia

Donnarumma 5: indeciso sulla seconda rete di Saul

Calabria 7: argina sia Deulofeu che Asensio, quando questi ultimi sono sulla sua fascia di competenza

Caldara 7: tiene a galla l’Italia in diverse occasioni

Rugani 5.5: nel primo gol non accorcia a dovere e lascia troppo spazio a Saul

Barreca 6.5: tanta corsa e molte buone sovrapposizioni per lui

Benassi 6: prova a pressare l’intero centrocampo spagnolo (dall’87’ Garritano s.v.)

Gagliardini 4: impreciso nelle giocate, lascia i suoi compagni in 10 (per un fallo inutile a centrocampo) e compromette la partita

Pellegrini 6.5: fornisce qualità al centrocampo azzurro e sfiora anche la rete del vanaggio

Chiesa 6: generoso, sia in pressing che in copertura (dal 61’ Locatelli 5.5: gioca pochi palloni)

Bernardeschi 7.5: a volte impreciso, ma l’ultimo a mollare

Petagna 5: bravo a giocare di sponda e a far salire la squadra, nel primo tempo, letteralmente impalpabile nella ripresa (dal 72’ Cerri s.v.)

Le pagelle della Spagna

Arrizabalga 6.5: bravo a difendere la partità, prima che la partita si sblocchi

Jonny 5: soffre tantissimo Bernardeschi

Vallejo 5.5: prova non scevra di leggerezze la sua

Meré 6.5: attento e preciso

Bellerin 6.5: prezioso in fase di spinta e abile in difesa

Ceballos 7.5: più di una vota utile in copertura, sempre decisivo palla al piede, come in occasione dell’assist per il primo gol di Saul (dall’89’ Oyrzabal s.v.)

Llorente 5.5: più di un errore, in fase di impostazione

Saul 8.5: partita strepitosa del centrocampista dell’Atletico Madrid, faro del gioco spagnolo e autore di una splendida tripletta

Asensio 7: costretto ad abbassarsi per riceve palloni giocabili, è abilissimo a fornire alla “Rojita” quella qualità che ha consentito agli uomini di Celades di superare la “prima linea” dell’Italia

Sandro 6.5: di pura testardaggine si procura le poche occasioni a lui ascrivibili (dal 78’ Williams s.v.)

Deulofeu 6.5: grandi strappi ma anche qualche errore, in una partita, tutto sommato, positiva (dall’83’ Denis Suarez s.v.)