NFL 2022/2023, week 12: i Bills rovinano l’ennesimo Thanksgiving ai Lions, vincono Cowboys e Vikings

NFL - Tyler Bass - Buffalo Bills Tyler Bass, Buffalo Bills - Photo by All-Pro Reels (CC BY-SA 2.0)

L’ultimo giovedì del mese di novembre negli Stati Uniti è sinonimo di Thanksgiving e da decenni vuol dire anche tris di partite NFL con le quali trascorrere il tempo tra una portata e l’altra a tavola. Come da tradizione la giornata si apre al Ford Field di Detroit, con i Lions in campo. E arrivati anche ad un passo dalla clamorosa sorpresa. I Buffalo Bills si salvano infatti al fotofinish con il punteggio di 25-28, dopo il field goal di Tyler Bass dalle 45 yards arrivato allo scadere.

IL PROGRAMMA DI WEEK 12

RISULTATI E CLASSIFICHE AGGIORNATE

LE DATE DELLA STAGIONE NFL

Le due squadre hanno offerto un’ottimo intrattenimento, con continui botta e risposta sin dalle prime fasi del match. I padroni di casa trovano anche il vantaggio ad inizio ultimo quarto, quando Goff trova Chark in end-zone e successivamente a Williams riesce la conversione da due punti per il 22-19. Josh Allen risponde presente e trova Diggs per tornare in vantaggio 25-22, ma a ventotto secondi dal termine Detroit riesce ad agguantare il pareggio sul 25-25 con un calcio tutt’altro che semplice di Badgley dalle 51 yards. Overtime? Neanche per sogno. Al quarterback dei Bills bastano ventuno secondi per guadagnare 48 yards. Tutto parte da uno straordinario e rischioso passaggio, sempre per Diggs, che vale 36 yards. Poi due corse preziose che rendono più facile il compito a Bass per il calcio della vittoria. E per il sesto anno consecutivo i tifosi Lions si vedono rovinati il giorno di festa.

Per il secondo match di giornata ci si sposta come sempre all’AT&T di Arlington (Texas) per il match dei Cowboys, che quest’anno ospitano i rivali dei New York Giants. Una sfida decisamente importante anche in chiave playoffs. Dallas parte male, con Prescott che si fa intercettare ben due volte nel corso del primo tempo, chiuso 7-13 in favore della franchigia newyorkese. Ecco, 13 rimarrano i punti segnati dai Giants fino al termine del match. Nella seconda metà di gara è un dominio da parte dell'”America’s Team, con i tight end particolarmente ispirati. Prescott connette con Schultz due volte in end-zone, poi arriva il sigillo finale da parte di Hendershot. I Giants trovano riescono solo ad accorciare le distanze quando è troppo tardi. Termina 28-20 per la squadra allenata da McCarthy, che si prende la seconda posizione in solitaria della NFC East.

All’insegna dell’equilibrio l’appuntamento serale con protagonisti i Minnesota Vikings e i New England Patriots. Pronta reazione da parte della franchigia del Minnesota dopo la debacle di domenica scorsa contro Dallas. Finisce 33-26 una partita ad alto punteggio, decisa dal touchdown del veterano Adam Thielen quando mancavano nove minuti sul cronometro. Ancora una volta imprendibile Justin Jefferson, che ha ricevuto per 139 yards e un touchdown. Mac Jones (382 yards, 2 touchdown pass) offre una prestazione più che solida in uno degli stadi più difficili dell’intera lega, ma non basta ai Patriots, che pur con un record positivo di 6-5 si ritrovano ultimi nella AFC East.