Tokyo 2020, Paltrinieri: “Mi piacerebbe andare a Parigi, ci proverò”

Gregorio Paltrinieri Gregorio Paltrinieri - Foto Mezzelani/GMT

Ho scoperto adesso, appena atterrato, degli altri tre ori vinti a Tokyo: fantastico. E’ una squadra super forte, la nostra, e molto unita. Devo dire che ho forse avuto più possibilità questa volta di conoscere i ragazzi rispetto alle altre Olimpiadi. Per via delle restrizioni imposte dalla pandemia, stavamo infatti sempre tutti insieme ed insieme abbiamo visto le gare in TV: è stato bello“. A parlare è Gregorio Paltrinieri, al rientro questa sera all’aeroporto di Fiumicino da Tokyo dopo un’Olimpiade da due medaglie (argento negli 800m stile libero; bronzo nella 10km di fondo). E il bilancio è positivo: “Più di così non potevo davvero fare. Sono contento. Ammetto, però, che è stata dura. Mi sono allenato tanto per arrivare a Tokyo. Gli ultimi due mesi – ha aggiunto – sono stati difficili. Sono arrivato in Giappone e mi son detto che ci dovevo provare. Ho sofferto perche’ la preparazione non era stata fatta al cento per cento, ma quello che avevo l’ho dato ed è bastato per portare a casa due medaglie. Insomma, sono arrivato con la testa e con il cuore laddove non riuscivo ad arrivare con il fisico. Un pensiero a Parigi 2024? Mi piacerebbe. Intanto ci sono gli Europei il prossimo anno in casa. Dopo di che i Mondiali, poi si vedrà ma vorrei almeno provarci”.

About the Author /

Romano, nato in una calda estate del 1995 mentre la capitale iniziava a scoprire Francesco Totti e Alessandro Nesta. Cresciuto tra la terra e i sassi dei campetti della periferia romana e appassionato di scrittura. Ma tra il pallone e la penna ho scelto un compromesso: scrivere di calcio