LIVE – Napoli-Bologna, Spalletti in conferenza stampa (DIRETTA)

Luciano Spalletti Luciano Spalletti - Foto Marti

Il Napoli, dopo l’ottimo esordio stagionale, vuole continuare su questa strada anche nel match contro il Bologna valevole per la decima giornata del campionato di Serie A 2021/2022. Nella giornata odierna di mercoledì 27 ottobre, il tecnico del club partenopeo Luciano Spalletti, parlerà in conferenza stampa per presentare la partita e rispondere alle varie domande dei giornalisti.

COME SEGUIRLA IN TV

Sportface.it seguirà il tutto in diretta attraverso degli aggiornamenti in tempo reale.

AGGIORNA LA DIRETTA
____________________________________________________________________________

15.00 – Grazie per averci seguito!

14.59 “Superlega? In questo momento è bene se rimango focalizzato sul mio. La vedo difficile fare una Superlega, togliendo le migliori squadre ai campionati, senza far andare i tifosi a vedere le partite davvero visto che gli spostamenti sarebbero tanti. Mi auguro che col passare del tempo si ritrovino gli stadi pieni perché lo stadio è un bel luogo in cui si possono creare tante iniziative. Quindi la Superlega no”.

14.55“Coppa Maradona? So che il presidente sta organizzando qualcosa. La Copa Maradona ci soffocherebbe ancora di più, penso sia giusto non partecipare. Ma è giusto partecipare a qualsiasi evento sarà fatto in ricordo di Diego”.

14.49“Turnover? Un ex professore a Coverciano una volta disse che tutto può essere veleno e medicina, dipende dalle dosi. Quindi dico che vanno valutate più cose. Ci sono tre partite settimanali, giocando domenica e giovedì puoi usare anche gli stessi, poi da giovedì a domenica il ragionamento è diverso. Il criterio è sempre lo stesso, di far giocare molti degli attaccanti che ho. Se andiamo a vedere le grandi squadre si vede che molti hanno sostituito nel reparto offensivo perché è lì che ci sono più soluzioni, sia per difendere che per attaccare”.

14.45 “Var a chiamata? Devo ancora documentarmi bene. Se ci penso così di getto le società dovrebbero organizzarsi per avere un professionista che fa quello perché ci vorrebbe l’ex arbitro, l’ex guardalinee dentro le società che può insegnarci altre cose e si prende la responsabilità della chiamata, capendo quand’è importante. Chi lo dice a me qual è la chiamata giusta? Ci vorrebbe un professionista, una telecamera sempre sulla palla che fa seguire queste cose al professionista”.

14.41“Per quanto riguarda il rapporto con gli arbitri a me sembra di averlo con molti. Riesco a parlare con tutti, anche col quarto uomo, com’è avvenuto con Irrati nell’ultima partita. Non so se ci vorrà ulteriore confronto, sicuramente io a inizio stagione ho detto che lamentarsi è da sfigati. Noi dobbiamo trasformare ogni evento sfavorevole in uno stimolo. Se il mio modo di parlargli ha fatto apparire alle sue orecchie la cosa così devo modificare qualcosa e stare più attento ai miei modi di dire le cose. Non volevo andare a finire lì, quello che è accaduto è un infortunio. Bisogna star zitti e lavorare meglio”.

14.38 “Giocare dopo il Milan? Se stiamo facendo bene o male non devono dircelo i risultati degli avversari ma le nostre prestazioni. Noi dobbiamo cercare di giocare il nostro calcio. Se gli altri hanno vinto o perso non importa, noi dobbiamo fare la corsa su noi stessi e stare attenti alle nostre prestazioni”.

14.37 “Osimhen? Quando ci sono tempi così ristretti, andando ad approfondire si rischia di essere troppo pesanti. E’ chiaro che quando ci sono le settimane a disposizione si rimane anche individualmente con i calciatori a fare ciò che riesce loro di meno, ma quando il tempo è ristretto va utilizzato a livello di squadra”.

14.35“Bisogna cercare di vincere la partita perché si vuol dare un senso al nostro campionato e per farlo bisogna fare le prestazioni e vincere le partite. Davanti troviamo una squadra con il ghigno perché il suo allenatore è fatto così e non sarà facile. Basta vedere l’ultima partita in cui hanno riagguantato un risultato in inferiorità numerica. Un’altra squadra qualsiasi sotto di due gol e in inferiorità numerica avrebbe smesso di lottare, invece loro l’hanno riacciuffata e persa poi per un eurogol. Avrebbero meritato un risultato differente. Bisognerà essere in condizioni di mettere dentro tutte le nostre qualità per venire a capo di questa partita”.

14.20 – Buon pomeriggio amici di Sportface! Benvenuti alla diretta testuale della conferenza stampa di Luciano Spalletti

About the Author /

Mi chiamo Daniele Forsinetti, sono nato il 30 novembre 1996 ed ho una grande passione per la maggior parte degli sport. Scrivo per Sportface.it dal marzo 2020 e sogno di diventare un giornalista sportivo.