Tokyo 2020, Sotero in esclusiva Sportface: “Volevo la medaglia, quarto posto amaro”

Alice Sotero

Indubbiamente c’è più rammarico ora. Io ho dato il massimo“. La consapevolezza di aver dato tutto ma allo stesso tempo tanta delusione per quella medaglia di bronzo così vicina ma sfumata. Questo si percepisce dalle parole di Alice Sotero, quarta nel pentathlon moderno a Tokyo 2020, che ai microfoni di Sportface.it ha raccontato le sue emozioni. “Ho fatto una gara quasi perfetta – prosegue l’azzurra –, sicuramente al poligono ho sbagliato troppo rispetto a quello che potevo sbagliare, ora il quarto posto mi sta un po’ stretto, però ho fatto una grande gara. Sono arrivata qua un po’ in dubbio perché non avevo fatto nessun podio in stagione. È stata una stagione un po’ difficile perché ho dovuto rincorrere la qualificazione tutto il tempo, però ero arrivata determinata“.

RISULTATI PENTATHLON MODERNO FEMMINILE

LE PAROLE DI ELENA MICHELI

TUTTI GLI AZZURRI IN GARA VENERDI’ 6 AGOSTO

TUTTI I RISULTATI DI VENERDI’ 6 AGOSTO

IL MEDAGLIERE

TUTTE LE MEDAGLIE DELL’ITALIA

Quella medaglia la volevo e il quarto posto ora è difficile da accettare – aggiunge Sotero tra le lacrime -. Poi magari a freddo capisco di aver fatto una bellissima gara, però adesso è così. È stata un’Olimpiade speciale, abbiamo vissuto al Villaggio l’oro di Gimbo (Tamberi, ndr), tutta la parte dell’atletica, il terzo posto di Paltrinieri in acque libere. È stata un’Olimpiade magica, indubbiamente la porterò sempre nel cuore e un po’ mi peserà anche.