Taekwondo, ecco come qualificarsi alle Olimpiadi di Tokyo 2020: regolamento e format

Roberto Botta, taekwondo - FOTO FANPAGE ROBERTO BOTTA FACEBOOK

Manca sempre meno alle Olimpiadi di Tokyo che si disputeranno nel 2020. Per quel che concerne il taekwondo saranno otto i titoli che verranno messi in palio nella rassegna a cinque cerchi giapponesi: quattro al femminile (-49kg, -57kg, -67kg, +67kg) e quattro al maschile (-58kg, -68kg, -80kg, +80kg). Andiamo a scoprire il lungo percorso per le qualificazioni ai Giochi Olimpici.

GARE MASCHILI E FEMMINILI, STESSO FORMAT – Saranno 128 gli atleti (64 uomini e 64 donne) che potranno partecipare alle Olimpiadi: 4 posti vengono riservati di diritto al paese ospitante, in questo caso il Giappone, 4 atleti vengono invitati dalla Commissione tripartita mentre gli altri 120 si dovranno qualificare. Al massimo possono essere 8 gli atleti qualificati per ogni nazione (4 uomini e 4 donne) con la limitazione che prevede solamente un atleta per ogni gara. 40 carte olimpiche verranno messe a disposizione dal ranking olimpico che terrà conto dei risultati sino alle Grand Prix Final di gennaio 2019. I primi cinque di ognuna delle 8 categorie presenti ai Giochi, con al massimo un atleta per nazione per ogni gara, si qualificherà automaticamente. I vincitori e le vincitrici delle Grand Slam Series che si concluderanno a gennaio del 2020 strapperanno la qualificazione, si tratta di 8 pass messi a disposizione (uno per ogni categoria maschile e femminile). Infine gli ultimi 72 pass verranno assegnati attraverso i tornei continentali che avranno valenza di qualificazione olimpica: i due meglio piazzati di ogni categoria per Africa, Asia, Europa e America e il vincitore di ogni categoria per l’Oceania riusciranno a volare a Tokyo.