Italbasket, Pozzecco: “Il primo giorno è stato un terremoto di emozioni”

Gianmarco Pozzecco - Foto "Championsleague.basketball"

“Il primo giorno è stato un terremoto di emozioni. Iniziare nella città in cui sono cresciuto enfatizza un’emozione già enorme. Vedere qui Recalcati e il presidente Petrucci mi ricorda il Gianmarco giocatore a Varese e in Nazionale e completa una metamorfosi che mi rende felice”. Questa tutta l’emozione di Gianmarco Pozzecco, che ieri a Trieste ha iniziato l’avventura come nuovo ct dell’Italbasket.“Fare il ct è una responsabilità enorme, più grande di quando giocavo – ha aggiunto in un’intervista a La Gazzetta dello Sport -. Quando ho iniziato, pochi pensavano che sarei arrivato in Serie A o in Nazionale. E non ho mai creato aspettative sul fatto che potessi diventare allenatore. È sempre stato così e la mia soddisfazione è ancora più grande”.

“Belinelli, Hackett e Datome? Questo è un capitolo delicato. Per me è la parte più difficile, perché sento la necessità di creare un gruppo armonico. Il ritiro non può più essere quello militaresco e spietato dei miei tempi con i 14 migliori giocatori in competizione e in trincea per 12 posti. Al momento nessun ‘big’ ha detto ‘no'”, conclude Pozzecco.