Rugby, Sei Nazioni femminile 2022: Italia corsara a Cardiff, Galles battuto 10-8 all’ultimo secondo

World Rugby donne World Rugby donne - credits UFFICIO STAMPA FIR

Grande vittoria dell’Italrugby femminile, che nell’ultima giornata del Sei Nazioni 2022 ha espugnato l’Arms Park di Cardiff battendo il Galles per 10-8. Decisivo il calcio di Michela Sillari a pochi secondi dalla fine del match, dopo che per la maggior parte dell’incontro le Azzurre avevano condotto nel punteggio prima di subire la rimonta in extremis delle padrone di casa. L’Italia chiude così con due vittorie consecutive, dopo il successo di Parma contro la Scozia nel penultimo turno.

RIVIVI IL LIVE SU SPORTFACE

GLI HIGHLIGHTS (VIDEO)

La cronaca – La partita inizia con grande sofferenza per l’Italia, visto che il Galles parte con ritmi altissimi cercando di mettere sotto le Azzurre. Nei primi 20 minuti si gioca solo nella metà campo italiana, ma la difesa funziona benissimo nonostante qualche placcaggio sbagliato e le difficoltà in mischia ordinata. Al 22′ la svolta: due placcaggi alti di Wilkins e Harries in due minuti costringono il Galles a otto minuti in doppia inferiorità numerica. L’Italia prende coraggio e inizia a farsi vedere nella metà campo avversaria, ribaltando l’inerzia della partita. Dopo alcune occasioni mancate, al 32′ ecco la meta di Barattin che trova il pertugio giusto nella difesa gallese: Silleri trasforma giusto prima del rientro in campo delle due ammonite e così l’Italia si porta sul 7-0. Nei minuti finali le Azzurre continuano con ottima disciplina a difendersi, portando il vantaggio all’intervallo dopo i primi 40 minuti.

Al ritorno in campo il copione non cambia, con il Galles che continua a spingere e trova linfa preziosa dalla panchina. In particolar modo le padrone di casa cambiano tutta la prima linea mettendo sempre più in difficoltà l’Italia nelle mischie e nei raggruppamenti. Le Azzurre faticano sempre più a mantenere la disciplina ma difendono con grande cuore. Arrivano però troppe punizioni e nel finale Wilkins prima accorcia centrando i pali e poi Bevan mette a segno la meta del sorpasso al 76′. La stessa Wilkins però manca la trasformazione e si rimane così sull’8-7. Basta quindi una punizione per l’Italia, che se la va a guadagnare all’ultimo minuto: Sillari è glaciale e mette il pallone tra i pali per il 10-8 finale.