LIVE – Juventus-Milan, Pioli in conferenza stampa (DIRETTA)

Stefano Pioli - Foto Antonio Fraioli

Tutto pronto per la conferenza stampa di Stefano Pioli alla vigilia di Juventus-Milan, posticipo della dodicesima giornata di Serie A 2019/2020. La squadra rossonera cerca l’impresa esterna per risalire in classifica dopo il ko contro la Lazio a San Siro. Potrete seguire la conferenza dell’allenatore rossonero in diretta testuale su Sportface.it per non perdere nemmeno una parola delle sue dichiarazioni.

AGGIORNA LA DIRETTA


FINISCE QUA LA CONFERENZA DI PIOLI 

14.06 – Come fermare Ronaldo è difficile perché ha tante possibilità per farti male. Dobbiamo essere molto più attenti, bisogna concedergli molti meno spazi. E’ sicuramente tra i più grandi calciatori di sempre.

14.05 – Credo che Conti stia bene fisicamente, deve essere molto più bravo a livello mentale a superare le difficoltà della gara ma non puoi subire troppo l’errore che hai fatto. Deve stare dentro la partita per 95′ ma credo che abbia caratteristiche e qualità per fare bene.

14.04 – Dobbiamo giocare molto nell’area avversaria per esaltare Piatek. Dobbiamo metterlo in condizione di metterlo in condizione di fare gol

14.03 – E’ una grande sfida, quindi una grande opportunità. Maggiormente in partita per 95′.

14.02 – Leao è consapevole di non essere entrato con lo spirito giusto e spero che la sua prossima prestazione sia d’alto livello

14.01 – Io credo nei principi di gioco, poi devo essere bravo a metterli in campo per far si che rendano al meglio. L’intensità devo crescere in sedute d’alta intensità e brevi.

14.00 – Credo ci sia la maturità giusta per fare bene le cose ma quelle sono cose che arrivano attraverso i risultati, sono quelli che aiutano una squadra a crescere ed essere consapevole delle proprie possibilità

13.58 – Capello è un grande intenditore di calcio, io per giudicare un giocatore lo devo allenare e conoscere e penso che più di qualche giocatore sia un buon giocatore

13.55 – Ho visto dal vivo le prime due partite della Juventus e sono in quelle due partite penso che non sia stata così dominante come poi è diventata. Ora la Juventus è una squadra completa con pochissimi punti deboli. Ha fisicità, qualità, sa attaccare, sa soffrire, dobbiamo mettere in evidenza i loro punti deboli

13.54 – I giocatori se votano Pioli devono vincere. Io son forte se io vinco, se vinciamo. Insieme siamo sicuramente più forti. Se spingono per me devono spingere tanto in campo.

13.53 – Dobbiamo stare bene in campo, molto attenti, compatti, aggressivi. La Juve fa sempre la scelta giusta, quindi noi dobbiamo saper leggere tutte le soluzioni. Non penso che ci sia un sistema di gioco migliore di un altro ma cercheremo di mettere in campo la soluzione migliore

13.51 – Se c’è qualcuno che non è in difetto in questo momento al Milan sono i tifosi che ci stanno cercando di uscire dal momento difficile

13.51 – Il mercato di gennaio è lontano, Ibrahimovic è un grande campione

13.50 – Suso ha fatto una buona settimana, si è allenato bene ed è disponibile.

13.50 – Cambiare modulo è un’opportunità.

13.49 – Vincere per noi sarebbe fondamentale, siamo in ritardo e dobbiamo fare tanti punti. Dobbiamo concentrarci su quello che va fatt domani sera. Dobbiamo essere pronti a lottare e combattere domani sera

13.47 – In 4 partite pochi punti perché abbiamo giocato alla pari ma ci siamo fatti sorprendere, siamo stati pultii e precisi e siamo stati puniti. Domani sera dobbiamo avere una pressione superiore, dobbiamo avere un livello tecnico più alto rispetto alle ultime partite. Piùprecisione e tecnica e meno errori.

13.46 – Io mi fido dei miei giocatori. Siamo lontani dalla Juventus ma le partite cominciano 0-0 e in 11 contro 11. E’ una grande sfida ma va giocata a testa alta

About the Author /

A 6 anni i primi calci a un pallone, a 12 le prime pedalate in sella a una Bianchi e non ci è voluto molto a capire che quelli erano i miei due mondi e che avrei dovuto raccontarli, scrivendo i gol dei campioni e le imprese degli eroi su due ruote. A 20 anni mi ritrovo a studiare presso la facoltà di Scienze della Comunicazione a Bologna