Equitazione, salto ostacoli: Italia all’ultima chiamata per Tokyo 2020

Italia del Salto Ostacoli Barcellona 2019 L'Italia del Salto Ostacoli nella Finale di FEI Nations Cup a Barcellona - Foto Facebook @officialfise

Barcellona chiama Tokyo 2020. Il team Italia affronterà un fine settimana fondamentale. Ha avuto inizio la Longines FEI Jumping Nations Cup 2019, appuntamento in cui sarà assegnato un pass per i prossimi Giochi Olimpici di Tokyo 2020 alla squadra meglio classificata tra quelle che ancora non hanno ottenuto la qualifica olimpica in occasione dei FEI World Equestrian Games di Tryon 2018 e dei Campionati Europei di Rotterdam 2019.

L’appuntamento spagnolo, in scena a partire da oggi, 3 ottobre, fino a domenica 6 ottobre 2019, rappresenta per l’Italia l’ultima occasione per volare a Tokyo 2020 per la disciplina del Salto Ostacoli. Il CT della nazionale Duccio Bartalucci presenta una squadra di altissimo livello, composta dall’aviere capo Luca Marziani su Tokyo du Soleil, dall’appuntato scelto Massimo Grossato su Lazzaro delle Schiave, da Paolo Paini su Ottava Meraviglia di Ca’San Giorgio e dal primo aviere Lorenzo De Luca su Dinky Toy vd Kranenburg.

Questo anche l’ordine d’ingresso degli azzurri che oggi affronteranno il primo round di Nations Cup, che porterà i primi otto team in classifica alla finalissima di domenica 6 ottobre (h 15:00), mentre i restanti prenderanno parte alla Challenge Cup in programma nella giornata di sabato 5 ottobre (h 21:00).  Diciotto nazioni in campo: Belgio, Brasile, Colombia, Egitto, Francia, Germania, Giappone, Gran Bretagna, Irlanda, Messico, Olanda, Norvegia, Portogallo, Svezia, Svizzera, Stati Uniti, Spagna e Italia. Una gara nella gara perché, insieme all’Italia, in cerca della qualifica a cinque cerchi ci saranno Colombia, Egitto, Irlanda, Norvegia, Portogallo, Spagna. La squadra meglio classificata tra queste staccherà l’ambito pass per le Olimpiadi.

L’Italia è arrivata alla finale di Barcellona forte di una stagione che l’ha vista nella parte più alta della classifica di prima divisione europea a pari punti con la Svizzera (340 punti), grazie ai due secondi posti conquistati nelle tappe di San Gallo (Svizzera) e Dublino (Irlanda) e ai due terzi posti guadagnati a Falsterbo (Svezia) e Hickstead (Gran Bretagna).  Spettacolo garantito al Real Polo Club de Barcelona: i migliori binomi del mondo si confronteranno su tracciati estremamente tecnici ed impegnativi. Con il cuore oltre l’ostacolo.