Ciclismo, alla Milano-Sanremo 2018 arriva il “VAR”: il primo giudice sarà italiano

di - 15 marzo 2018

Nell’era della tecnologia tutti gli sport cambiano, si adeguano e si “ammodernano”. Recentemente, nel campionato di calcio italiano, abbiamo toccato con mano l’introduzione della tecnologia con il ‘Video Assistant Referee’, pronto ad intervenire in caso di azioni di gioco contestate. Una vera e propria rivoluzione per cercare di portare nella retta via alcune partite complicatesi per “sviste” o per decisioni non corrette.

Ed ora anche il ciclismo avrà il suo “VAR”, per modo di dire. L’esordio della video assistenza, nelle due ruote, avverrà proprio alla Milano-Sanremo 2018 di sabato 17 marzo. Ed a cosa servirà il VAR nel ciclismo? Correggere, nell’immediato, determinate infrazioni senza più attendere diverse ore le decisioni dei giudici sui pullman regia. Un intervento in tempo reale che possa portare la gara dal lato della massima regolarità cancellando alcune proteste innalzate soprattutto durante il corso del Tour de France 2017 per la contestata volata a Vittel tra Sagan e Cavendish, finito contro le transenne a bordo del tracciato.

C’è grande attesa per questa Milano-Sanremo che dunque sancirà l’esordio del VAR nel ciclismo ma soprattutto nella ‘Classicissima’. Tutta l’alta dirigenza mondiale ciclistica sarà presente in Italia per studiare le funzionalità della video assistenza che potrebbe esser un vero e proprio “plus” nelle future gare internazionali. Il pullmino del giudice tv, postato in prossimità del traguardo, avrà una decina di monitor con numerosi punti di ripresa dalle moto, dagli elicotteri e dalle telecamere fisse sul tracciato. Il giudice designato sarà in contatto con la giuria anche per radio informazioni ed ovviamente la fiducia fra essi sarà determinate per il regolare funzionamento del Var.

Il primo giudice davanti al monitor sarà Gianluca Crocetti, 48enne toscano di Pontremoli, giudice internazionale dal 2004. La federazione mondiale ha scelto ben 4 giudici tv, un italiano, un francese, un belga ed uno spagnolo per motivi di lingua e dunque Crocetti sarà presente davanti alla tv anche per il Giro d’Italia ed il Giro della Lombardia.

© riproduzione riservata