Brescia, lo sfogo di Cellino: “Fermare campionato? Lo dicono quelli che non mettono soldi, vergognoso”

Stadio Mario Rigamonti di Brescia - Foto Валерий Дед CC BY 3.0 Stadio Mario Rigamonti di Brescia - Foto Валерий Дед CC BY 3.0

Il presidente del Brescia, Massimo Cellino, nel corso di un’intervista concessa a ‘La Gazzetta dello Sport’, si è sfogato duramente dopo lo stop al campionato di Serie B causato dalla pandemia di Covid: “Vedo cose vergognose. L’anno scorso la Salernitana ha vinto a tavolino con la Reggiana che non partì per la trasferta e adesso si è fatta fermare dalla Asl. E sento gente che vuole rinviare le partite… Lo sa chi lo dice? Gli “impiegati”, non quelli che mettono i soldi. Io faccio calcio per professione, metto i soldi, invece in altri club decidono i funzionari, non i proprietari: come al Monza. Ci hanno svuotato gli stadi e gli sponsor sono calati, ma ho dovuto pagare tutto lo stesso e non h avuto un euro dallo Stato”.

“Sono spaventato, c’è gente messa peggio e tace. Chiudano pure il calcio, ma ci paghino i danni! Lo stop dei due turni natalizi? Voglio impugnare la delibera dell’assemblea. E’ stata convocata senza menzionare l’ordine del giorno, quindi è nulla. Io ho chiesto se erano pazzi, avremmo potuto giocare solo noi, abbiamo preso più soldi dalle tv per questo, è stata un’occasione sprecata”, ha concluso il numero delle Rondinelle.

L’autore: /

Mi chiamo Daniele Forsinetti, sono nato il 30 novembre 1996 ed ho una grande passione per la maggior parte degli sport. Scrivo per Sportface.it dal marzo 2020 e sogno di diventare un giornalista sportivo.