Fantacalcio, consigli quindicesima giornata 2017/2018: tutto quello che c’è da sapere

Mauro Icardi Mauro Icardi - Foto Antonio Fraioli

Tutto pronto per la quindicesima giornata di Serie A 2017-18 e Sportface.it vi terrà compagnia con i consigli per il vostro fantacalcio. Il turno di campionato si apre col botto venerdì 1 dicembre quando Roma e Spal scenderanno in campo alle 18:30 per poi lasciare il palco al big match di questa giornata: Napoli-Juventus nella cornice di un San Paolo strapieno. Sabato 2 dicembre alle 20:45 toccherà a Torino e Atalanta mentre domenica alle 12:30 saranno Benevento e Milan a scendere in campo. Le tre sfide in programma alle 15:00 saranno Bologna-Cagliari, Fiorentina-Sassuolo e Inter-Chievo. Ostacolo Sampdoria per la Lazio di Simone Inzaghi ansiosa di ripartire in campionato. Il turno si chiuderà lunedì 4 dicembre con due sfide: alle 19:00 spazio a Crotone-Udinese mentre alle 21:00 il Verona ospiterà il Genoa. Dubbi su chi schierare? Niente paura, ecco i consigli della nostra redazione.

Roma-Spal (Venerdì 1 dicembre, ore 18:30)

Giallorossi chiamati al riscatto dopo il mezzo passo falso di Genova, ospitano una Spal che continua a raccogliere meno punti rispetto a quelli che meriterebbe per il gioco espresso. Molte le assenze da entrambe le parti.

IN: Edin Dzeko (Il suo gol manca da un po’ di giornate ma impossibile non schierarlo)

IN: Alberto Paloschi (E’ il più in forma dei suoi, proprio non si può lasciarlo fuori)

OUT: Kevin Strootman (Apparso un po’ fuori forma nelle ultime uscite, meglio lasciarlo in panchina)

OUT: Felipe (Sarà dura fare a sportellate con Dzeko e rincorrere El Shaarawy)

SORPRESA: Patrik Schick (DI Francesco potrebbe lanciarlo titolare..fateci un pensierino)

SORPRESA: Marco Borriello (Al ritorno in campo dopo l’infortunio potrebbe regalare un dispiacere alla sua ex squadra)

Napoli-Juventus (Venerdì 1 dicembre, ore 20:45)

Big Match della 15° giornata. Quest’anno ha davvero l’aria di essere già un “dentro o fuori”, con l’Inter alla finestra. Scelte non facili per i fantallenatori.

IN: Dries Mertens (Napoli, in una serata così, ha bisogno del suo uomo)

IN: Paulo Dybala (Un argentino con la 10 sulle spalle è sempre il caso di schierarlo al San Paolo..)

OUT: Raul Albiol (Sarà una partita ad alta intensità. Alto rischio cartellino per lo spagnolo).

OUT: Andrea Barzagli (I tre furetti lì davanti potrebbero causargli un brutto mal di testa).

SORPRESA: Jose Maria Callejon (Non segna molto ma predilige i big match per farsi sentire)

SORPRESA: Giorgio Chiellini (Occhio alle palle inattive..potrebbero essere decisive questa sera).

Torino-Atalanta (Sabato 2 dicembre, ore 20:45)

Pareggio a San Siro con il Milan e vittoria in Coppa Italia, il Toro si sta ritrovando. A fargli visita un’Atalanta che non ha alcuna intenzione di smettere di stupire

IN: Andrea Belotti (Dopo la Coppa, il Gallo vuole tornare a cantare anche in campionato)

IN: Alejandro Gomez (Il Papu potrebbe sgusciare via ad una retroguardia granata un po’ lenta e spesso poco concentrata)

OUT: Nicolas Burdisso (Non anticipa più come una volta. Occhio ai cartellini)

OUT: Rafael Toloi (E’ in stato febbrile, se si hanno alternative meglio non rischiare)

SORPRESA: Cristian Ansaldi (In proiezione offensiva sa sempre come farsi valere)

SORPRESA: Mattia Caldara (E’ il momento di tornare a far sognare molti fantallenatori)

Benevento-Milan (Domenica 3 dicembre, ore 12:30)

Rino Gattuso l’ha presentata come una finale di Champions League e lui che ne ha giocate tre sa cosa significa. Curiosità per questo Milan, ospite del fanalino di coda Benevento.

IN: Samuel Armenteros (Apparso in ottime condizioni nell’ultima uscita a Bergamo. Puntiamo ancora su di lui)

IN: Nicola Kalinic (Il Milan deve tornare a far gol con il centravanti. Ringhio avrà saputo motivarlo bene).

OUT: Danilo Cataldi (Potrebbe andare un po’ sottoritmo. Occhio al solito cartellino giallo).

OUT:  Lucas Biglia (Deve ritrovarsi dopo questo periodo “grigio”. Se avete alternative meglio non rischiarlo).

SORPRESA: Cristiano Lombardi (Occasione da titolare per il giovane in prestito dalla Lazio. Darà tutto).

SORPRESA: Giacomo Bonaventura (Fino ad ora la peggior stagione in rossonero per Jack. Potranno cambiare le cose con l’arrivo di Rino Gattuso? Noi ci proviamo).

Bologna-Cagliari (domenica 3 dicembre ore 15.00)

Dopo l’ottimo 3-0 sulla Samp, Donadoni si ritrova nelle zone nobili della classifica. Per i sardi solo due vittorie in sette trasferte fin qui.

IN: Rodrigo Palacio (pedina fondamentale nella manovra offensiva di Donadoni per velocità e imprevidibilità)

IN: Leonardo Pavoletti (3 gol nelle utlime 7 partite, il terminale offensivo dei sardi cerca il bis dopo la rete all’Inter)

OUT: Erick Pulgar (5 gialli in 12 presenze, in una partita sulla carta equilibrata è alto il rischio cartellino)

OUT: Filippo Romagna (potrebbe far fatica in difesa, la sua media di 5.60 induce a schierarlo solo in assenza di alternative

SORPRESA: Simone Verdi (forma strepitosa per lui, lo testimoniano gol e assist nell’ultima contro la Samp)

SORPRESA: Joao Pedro (il brasiliano può creare qualche grattacapo alla difesa rossoblu con la sua velocità)

Fiorentina-Sassuolo (domenica 3 dicembre, ore 15.00)

Cambio d’allenatore per i neroverdi, buona la prima per Iachini con una vittoria in extremis in Coppa Italia. Ai viola mancano i tre punti da più di un mese

IN: Federico Chiesa (titolarissmo nei viola, elemento imprescindibile per ogni fantallenatore)

IN: Matteo Politano (Match winner con un gran gol allo scadere in Coppa Italia, il suo mancino può essere letale anche dalla distanza)

OUT: Davide Astori (apparso sottotono con la Lazio, la sua mediavoto fin qui sfiora la sufficienza)

OUT: Federico Peluso (avrà un cliente scomodo come Chiesa, spesso verrà puntato ed è a rischio malus)

SORPRESA: Cyril Thereau (con le squadre medio-piccole e in casa spesso risulta decisivo)

SORPRESA: Domenico Berardi (il cambio di allenatore potrebbe essere finalmente la svolta per azzerare e ripartire in questa pessima stagione)

Inter-Chievo (Domenica 3 dicembre, ore 15.00)

Gli uomini di Spalletti non hanno alcuna intenzione di fermarsi, nell’ultimo precedente i nerazzurri rimontarono lo svantaggio iniziale vincendo per 3-1.

IN: Mauro Icardi (capocannoniere del campionato, impossibile ovviamente da lasciar fuori

IN: Roberto Inglese (È sempre il più pericoloso tra i suoi e potrebbe approfittare dell’assenza di Miranda)

OUT: Andrea Ranocchia (La squalifica di Miranda gli concede una chance, ma è meglio non rischiarlo viste le ultime apparizioni in nerazzurro)

OUT: Samuel Bastien (battesimo di fuoco alla prima coi clivensi a San Siro)

SORPRESA: Milan Skriniar (sarà lui a guidare la difesa, ottimo banco di prova)

SORPRESA: Stefano Sorrentino (periodo di forma incredibile, potrebbe regalare un buon voto per il modificatore)

Sampdoria-Lazio (Domenica 3 dicembre, ore 20:45)

Ripartire. E’ il mantra in casa Sampdoria e Lazio. La prima è reduce dalla sconfitta per 3-0 contro il Bologna mentre i biancocelesti vengono dallo stop interno contro la Fiorentina. Giampaolo e Inzaghi separati da tre punti non vogliono fermarsi e cercano i tre punti al Ferraris.

IN: Duvan Zapata (Tra le mura del Ferraris si esalta. Quando in una partita casalinga non ha segnato, si è fatto notare per un assist e un rigore conquistato. Chiedere al Crotone per conferma)

IN: Ciro Immobile (Contro una difesa che non eccelle in velocità, può essere devastante)

OUT: Nicola Murru (Contro Marusic può incontrare difficoltà)

OUT: Bastos (Il momento di forma è negativo. Contro la Fiorentina ha rialzato la testa dopo l’errore nel derby ma è apparso ancora insicuro e condizionato dal disastro contro la Roma)

SORPRESA: Gaston Ramirez (L’avversario non era dei più probanti ma in Coppa Italia contro il Pescara è stato il migliore: sempre al centro del gioco in una prestazione condita da gol e assist)

SORPRESA: Stefan de Vrij (La Samp ha mostrato più di una incertezza sui calci piazzati contro il Bologna. Lui, specialista, può approfittarne)

Crotone-Udinese (Lunedì 4 dicembre, ore 19:00)

Dodici punti a testa per due squadre per nulla intenzionate a prendere parte ad una lotta salvezza che si preannuncia intensa e con diverse partecipanti. Nicola e Oddo vogliono rifiutare l’invito e cercano tre punti.

IN: Marcello Trotta (Due gol nelle ultime quattro partite. Vuole finalmente prendersi una maglia da titolare in pianta stabile e quella di lunedì sembra l’occasione giusta)

IN: Rodrigo De Paul (Può fare il Taarabt della situazione. Tra le linee il Crotone soffre molto e lo ha dimostrato contro il Genoa quando l’ex Milan ha fatto quel che voleva)

OUT: Adrian Stoian (Impreciso e poco preciso. Non riesce ad incidere)

OUT: Samir (Il fattore ammonizione non pesa a suo favore)

SORPRESA: Marcus Rohden (Le statistiche parlano chiaro: è il calciatore della rosa che tira più in porta. Può far male dopo una astinenza che dura da un mese. Sarà anche una gara speciale: ai friulani ha segnato il primo gol in Serie A)

SORPRESA: Antonin Barak (E’ una delle sorprese di questo inizio di stagione. Vuole continuare a stupire)

Verona-Genoa (Lunedì 4 dicembre, ore 21:00)

Un punto separa le due squadre. Un punto che fa tutta la differenza del mondo. Il Verona occupa il penultimo posto mentre il Genoa grazie agli ultimi due risultati utili è riuscita a salire al diciassettesimo. Una vittoria sarebbe una boccata d’ossigeno fondamentale per due club a caccia della salvezza.

IN: Daniele Verde (E se fosse lui la vera stella del Verona? Cresce di partita in partita e con il Sassuolo ha anche gonfiato la rete)

IN: Adel Taarabt (Sta tornando il giocatore che tutti conoscevano)

OUT: Bruno Zuculini (E’ di natura propenso al cartellino. Come se non bastasse dovrà controllare Taarabt)

OUT: Gianluca Lapadula (Se non fosse stato per De Rossi, sarebbe stato il peggiore in Genoa-Roma. Realizza il rigore ma sbaglia due facilissime occasioni da gol. Non è ancora lui)

SORPRESA: Alessio Cerci (Torna in gruppo e prenota una maglia da titolare. Uno dei migliori contro il Sassuolo e ha l’abitudine di firmare gol dell’ex)

SORPRESA: Luca Rigoni (Ha partecipato attivamente a tre reti in trasferta in questa stagione. Letale negli inserimenti, pedina chiave per Ballardini)