Mondiali 2018, Nicchi: “Irrati ha salvato il Mondiale. I nostri arbitri i più appetibili”

Marcello Nicchi - Foto Sportface.it

Come già successo, gli arbitri italiani sono stati protagonisti in positivo dei Mondiali. Quattro anni fa, Nicola Rizzoli diresse la finale tra Germania e Argentina. Quattro anni dopo, Gianluca Rocchi è arrivato ad un passo dall’essere il secondo italiano di fila a fischiare nel match più importante del torneo più atteso nel mondo del calcio. Uno degli arbitri nostrani ha comunque lavorato al centro del match tra Francia e Croazia: si tratta di Massimiliano Irrati, capo della squadra Var ieri pomeriggio.

Del suo operato ha parlato Marcello Nicchi, presidente dell’Associazione Italiana Arbitri, intervenuto a “Radio Anch’io Sport”: “Irrati ha salvato il Mondiale, è stato artefice di una decisione fondamentale. Senza quel rigore alla Francia non so cosa sarebbe successo. I nostri arbitri sono i più appetibili in tutto il mondo, abbiamo un’associazione che a questi livelli non era mai arrivata”.

Poi un commento anche su Rocchi, deluso dalla sua esclusione dalla finale: “Per noi Rocchi era da finale, ma la Fifa avrà fatto le sue valutazioni e direi che le ha fatto bene. Rocchi ha fatto perfettamente quello che doveva fare, lo sentivo giornalmente ed era carico. Ovviamente ci si aspettava qualcosina di più, ma è molto soddisfatto. Si può dire che alla fine uno valeva l’altro forse, ma non è così, bisogna rispettare delle operazioni politiche, delle varie componenti e delle varie federazioni. Con Rizzoli noi abbiamo arbitrato l’ultima finale, era prevedibile che potesse accadere di non centrare l’obiettivo. A Rocchi non si può imputare nulla. Lo avrei visto bene al posto di Pitana, che comunque non ha fatto rimpiangere Rocchi”.