Come si può entrare nelle discoteche? Chi può andare, come funziona, mascherine e nuove regole

Quando riaprono le discoteche è ormai una domanda superata: i tantissimi amanti delle “serate” sanno già che dalla mezzanotte dell’11 febbraio hanno riaperto i locali notturni, ovviamente con diverse regole da rispettare nell’ambito della convivenza con la pandemia di Covid. Le discoteche erano chiuse da oltre un mese, da prima di Natale, per evitare che a Capodanno potessero scoppiare focolai di contagi. Ecco dunque qual che serve sapere per entrare nelle discoteche, come funziona, chi può andare e chi no.

Riaprono le discoteche, quali sono le regole?

Le discoteche riaprono, ma lo fanno con molte restrizioni. Per esempio, servirà avere il green pass rafforzato, vale a dire quello che si ottiene con la vaccinazione o con la guarigione, e non col tampone. Sarà obbligatorio indossare la mascherina in ogni settore delle discoteche, esclusa la pista da ballo, sia all’esterno che all’aperto dove non si può mantenere il regolare distanziamento di un metro. La riapertura è al 75% per le discoteche all’aperto e al 50% per quelle al chiuso, e il numero di presenze sarà monitorato da un contapersone. Inoltre, i gestori delle discoteche saranno obbligati a garantire due percorsi distinti per entrata e uscita e la possibilità che non si verifichino assembramenti. Servono due metri di distanziamento tra gli utenti che accedono alla pista da ballo e inoltre sarà obbligatorio munirsi di addetti alla sorveglianza per verificare il rispetto delle suddette regole.