NHL 2017-18: Chicago distrugge Pittsburgh 10-1. Ovechkin, tripletta e rigore per Washington

Brandon Saad - Foto NHL Chicago Blackhawks Twitter

Pazzesco esordio casalingo per i Chicago Blackhawks che, nella prima partita della regular season 2017-18 della National Hockey League, distruggono completamente i campioni Stanley Cup dei Pittsburgh Penguins per 10-1.

Clamoroso allo United Center dove gli Hawks son riusciti a chiudere il primo match arrotondando il risultato e demolendo i Pens reduci dal primo back-to-back che la nottata prima li aveva visti protagonisti in casa contro i St. Louis Blues. Partita sostanzialmente chiusasi nei primi minuti di gioco tanto che al 9° coach Mike Sullivan è costretto al cambio nel net togliendo l’ex Antti Niemi per Matt Murray. Una valanga di goal che ha visto Brandon Saad realizzare la tripletta personale, al ritorno nella Windy City, oltre alla rete dell’altro rientrante Patrick Sharp. Puro spettacolo sul ghiaccio con le giocate di Patrick Kane (1G, 3A) anche se il top-scorer di giornata è Ryan Hartman con 5 punti totali (1G, 4A). Nel match a segno anche Nick Schmaltz (doppietta), Richard Panik e Brent Seabrook mentre per gli ospiti in gol Phil Kessel nel powerplay 5-on-3.

Capitan Alex Ovechkin guida i Washington Capitals alla vittoria al Canadian Tire Centre degli Ottawa Senators. L’attaccante russo si è reso protagonista di un hat-trick decisivo rimettendo in piedi un match complicatosi a cavallo tra la seconda e la terza frazione. Sul risultato di 3-1 a favore dei Sens, Ovie è riuscito a siglare una doppietta per pareggiare i conti salvo poi andare sotto nuovamente per via della rete di Mark Stone recuperando il risultato a 9 minuti dal termine finalizzando la tripletta. Con la partita prolungatasi all’extra-time, overtime con powerplay non sfruttato da Ottawa, son risultati decisivi i rigori nel 5-4 finale che han premiato i Capitals con Ovechkin in gol per pareggiare la marcatura di Bobby Ryan oltre alla rete di Evgeny Kuznetsov.

I Colorado Avalanche partono con il piede giusto sconfiggendo i New York Rangers al Madison Square Garden per 4-2. Match fisico, con tante penalità, al quale gli Avs hanno saputo far fronte fin dalla prima frazione con il doppio vantaggio di Matt Duchene e Mikko Rantanen raggiunto dalle due reti in powerplay di Mika Zibanejad. Il GWG lo conquista il difensore Tyson Barrie al termine del secondo tempo per poi chiudere il risultato a 3 secondi dalla fine con Gabriel Landeskog in empty-net.

Buon esordio anche da parte dei Boston Bruins nel 4-3 finale sui Nashville Predators. Tra i black and gold spiccano le reti dei giovani David Pastrnak, Jake Debrusk e Charlie McAvoy oltre al goal decisivo in shorthanded/empty-net di Brad Marchand. Per Nashville, una buona reazione sul finale di gara con due powerplay goal siglati da Scott Hartnell e Filip Forsberg. Vincono per 4-2 i Detroit Red Wings in casa contro i Minnesota Wild nella prima partita ufficiale alla Little Caesars Arena: capitan Henrik Zetterberg mette dentro il sigillo decisivo nel terzo periodo. Sofferto successo ai rigori per i Montreal Canadiens targato Jonathan Drouin. L’ex Lightning sigla l’unica rete agli shootout per regalare i due punti agli Habs contro i Buffalo Sabres.

Nei posticipi “californiani” gli Anaheim Ducks archiviano un brillante comeback vincendo per 5-4 in casa contro gli Arizona Coyotes dopo esser stati sotto di due reti dopo la metà della seconda frazione. Corey Perry a segno con una doppietta mentre la rete decisiva è stata segnata da Rickard Rakell. Successo per 2-0 per i Los Angeles Kings firmato da Trevor Lewis e Tyler Toffoli, primo shutout nel primo match per Jonathan Quick.

Risultati della notte (05/10/2017)

Boston Bruins – Nashville Predators 4-3

Buffalo Sabres – Montreal Canadiens 2-3 SO

New York Rangers – Colorado Avalanche 2-4

Detroit Red Wings – Minnesota Wild 4-2

Ottawa Senators – Washington Capitals 4-5

Chicago Blackhawks – Pittsburgh Penguins 10-1

Anaheim Ducks – Arizona Coyotes 5-4

Los Angeles Kings – Philadelphia Flyers 2-0

About the Author /

Nato ad Oristano il 2 aprile 1994. Dalla Formula 1 al calcio, passando per tennis, sci alpino e NHL: semplicemente un malato di sport con tanti sogni nel cassetto.