Sci alpino, Val d’Isere e St. Moritz: favoriti, assenti e analisi sulla squadra italiana

di - 7 dicembre 2017
Stefano Gross - Foto Alessandro Trovati - Pentaphoto

Dopo due settimane di appuntamenti nordamericani si ritorna in Europa con la Coppa del Mondo dello sci alpino. A St. Moritz vanno in scena le gare femminili: si parte subito forte il venerdì mattina alle ore 10.00 con la prima manche della combinata che terminerà alle 13.00 con il gran finale. Sabato e domenica, sempre in terra svizzera, sarà il turno dei due super-G fissati rispettivamente alle ore 10.45 e 10.30 con Mikaela Shiffrin che vuole aggiudicarsi la vittoria anche in questa specialità. Gli uomini invece si spostano a Val d’Isere dove sabato sarà la giornata dedicata allo slalom gigante: si inizia alle 9.30 e si termina 3 ore più tardi, alle 12.30 con la seconda manche. Stessi orari per domenica mattina in cui gli atleti saranno impegnati nello spettacolare slalom speciale.

In Francia però il meteo non promette veramente nulla di buono, tant’è che la sciata in pista di venerdì è stata ufficialmente cancellata. Gli organizzatori inoltre nelle prossime ore decideranno se invertire le due prove maschili, visto e considerato che le condizioni atmosferiche potrebbero solo che peggiorare con la presenza di abbondanti nevicate nell’intero arco del weekend.

QUI ITALIA – La truppa italiana offre una folta presenza di atleti a Val d’Isere. Per quanto riguarda il gigante saranno presenti: Florian Eisath, Luca De Aliprandini, Manfred Moelgg, Riccardo Tonetti, Roberto Nani, Giovanni Borsotti e Andrea Ballerin. Lo slalom di domenica invece vedrà in pista Manfred Moelgg, Stefano Gross, Patrick Thaler, Giuliano Razzoli, Tommaso Sala, Riccardo Tonetti e il ritorno di Cristian Deville. In Svizzera la squadra femminile azzurra potrà schierare 10 atlete nel super-G e nove nella combinata. Questi sono i nomi scelti dal direttore sportivo Max Rinaldi e il capo allenatore: Marta Bassino, Federica Brignone, Nicol Delago, Elena Fanchini, Nadia Fanchini, Sofia Goggia, Anna Hofer, Federica Sosio e Johanna Schnarf. 

GLI ASSENTI – Sono due le novità della settimana per quanto concernono gli infortuni. Non ci sarà purtroppo la nostra Verena Stuffer che è stata costretta a dare forfait per un leggero stiramento al polpaccio sinistro. In casa austriaca non sarà al cancelletto di partenza Philipp Schoerghofer che è ancora alle prese con i problemi al ginocchio. Fuori ovviamente anche tutti gli altri assenti di lungo corso che salteranno gran parte della stagione o come nel caso di Neureuther che torneranno il prossimo anno.

I FAVORITI NEL MASCHILE – Lo slalom gigante di sabato vede largamente favorito Marcel Hirscher che è tornato alla vittoria a Beaver Creek e non ha intenzione di fermarsi. A provare ad insidiarlo c’è in prima fila Alexis Pinturault con Henrik Kristoffersen. Attenzione anche al talento di Ted Ligety che sembra stia ritrovando la forma ideale. Poche speranze per l’Italia che però può puntare ad un buon piazzamento con Eisath e Moelgg. Per lo slalom speciale si può considerare favorito lo stesso Kristoffersen alla pari con Hirscher che verosimilmente si giocheranno la vittoria finale. L’inglese Dave Ryding ha dimostrato che in queste gare può dire la sua così come il veterano 34enne André Myhrer. Gli azzurri in questa specialità hanno qualche possibilità in più per la top five, in particolare con Stefano Gross e ancora una volta Manfred Moelgg.

LE FAVORITE NEL FEMMINILE – Tina Weirather è la favorita di diritto nel super-G femminile dopo il trionfo in quel di Lake Louise. Subito dietro Lara Gut ha voglia di centrare un successo nell’appuntamento casalingo. Per quanto riguarda Mikaela Shiffrin ormai dobbiamo considerarla una papabile vincitrice in ogni specialità. Gara più che mai aperta quindi con Lindsey Vonn e Viktoria Rebensburg pronte a sfruttare ogni minima disattenzione avversaria. Infine non ci siamo dimenticati della nostra atleta di punta, ovvero Sofia Goggia che vuole provare a dare una svolta alla sua stagione con un podio ampiamente alla sua portata.

© riproduzione riservata