Tokyo 2020, canoa femminile kayak K1: Horn sfiora la medaglia, è quarta per due decimi

Stefanie Horn - Foto Federcanoa Stefanie Horn - Foto Federcanoa

A un soffio dal podio Stefanie Horn nella finale di canoa femminile kayak K1 a Tokyo 2020. L’azzurra chiude al quarto posto ma a soli due decimi dal bronzo con il rimpianto della penalità di due secondi alla seconda porta. Quarta anche in semifinale, la classe 1991 rimedia all’errore iniziale con una grandissima gara, assestandosi alle spalle di Ricarda Funk e Maialen Chourraut, rispettivamente oro e argento. A impedire alla canoista azzurra la medaglia, è la Fox: dopo l’errore di Mintalova che tiene in vita la Horn, l’australiana incappa clamorosamente in due penalità ma, nonostante ciò, è più rapida di due decimi della Horn che, senza la sua penalità, sarebbe salita addirittura sul gradino più alto del podio. Oro dunque alla Germania con Funk, si conferma nella leggenda la spagnola Chourraut dopo il titolo a Rio 2016  mentre l’australiana Fox si ‘accontenta’ del bronzo.

About the Author /

Classe 1992, studente di Giurisprudenza e diplomato al Conservatorio con il sogno del giornalismo. Amo lo sport a 360°, anche perché il mio paesino da 17.000 abitanti ha cresciuto un calciatore di Serie A e della nazionale come Legrottaglie, una medaglia olimpica di volley come Mastrangelo, e l'ormai certezza della marcia Palmisano. E poi ci sono io, mancato numero 1 Atp, cui rimedio sproloquiando come redattore anche su Tennis World Italia