Nuoto paralimpico, Mondiali Londra 2019: altri quattro ori azzurri, Italia in vetta al medagliere

Carlotta Gilli Carlotta Gilli - Foto Bizzi/Finp

I nuotatori azzurri continuano ad essere protagonisti all’Aquatics Centre di Londra dove si stanno svolgendo i Mondiali 2019 di nuoto paralimpico. Con un bilancio di 7 ori, 6 argenti e 4 bronzi la squadra azzurra è in testa al medagliere. Già nel pomeriggio il primo oro targato Francesco Bocciardo, l’azzurro è riuscito ad imporsi nei 200 stile libero S5 con il crono di 2’24”11 che gli ha permesso di mettersi alle spalle lo spagnolo Ponce Bertran (2’82”33) e il francese Curin (2’43”36). “Seppur quella appena nuotata sia la mia gara principe, è stata anche molto sofferta. innanzitutto ci tengo a dedicare questa medaglia alla mia Liguria ed in particolare alla mia città Genova, poi alle mie società, Nuotatori Genovesi e Fiamme Oro e al mio allenatore”, ha dichiarato Bocciardo dopo il trionfo. Nelle acque londinesi continua a brillare la stella di Simone Barlaam che ottiene un altro oro condito da un record del mondo. L’italiano si è imposto nei 100 dorso S9 e al termine della gara ha affermato: Stasera sono all’ottavo cielo, dopo questa mattina non pensavo affatto di arrivare al podio e invece… l’ho spuntata“. 

Il terzo oro della giornata lo vince un’altra atleta della Polha Varese, Arjola Trimi che nella finale dei 100 stile libero S4 chiude con un crono di 1’29”56. In conclusione l’ultima delle medaglie più preziose è di Carlotta Gilli che precede tutte le rivali nei 100 dorso S13 (1’06”48). Volevo questa medaglia d’oro perché cerco di tirare fuori sempre il meglio di me. Dopo l’argento di ieri, oggi ho voluto far bella figura, questa è la mia gara, avevo un titolo ed un record da difendere e quindi mi sono detta VAI”, ha dichiarato l’atleta azzurra. Ma la festa dell’Italia non è finita qui. Ad arricchire la seconda giornata dei Mondiali di Londra sono arrivate le medaglie d’argento vinte da Arianna Talamona nei 200 stile libero, Stefano Raimondi nei 200 misti, Antonio Fantin nei 100 stile libero e dalla staffetta 4×50 mixed mista composta da Fantin, Morelli, Terzi e Trimi, ma anche il bronzo conquistato da Monica Boggioni nei 200 stile libero.