Hockey NHL, i Pittsburgh Penguins vincono la Stanley Cup 2017: Nashville k. o. in 6 gare

I Pittsburgh Penguins centrano il “double” e per il secondo anno di fila si laureano campioni della Stanley Cup 2017 nella National Hockey League. Dopo lo straordinario successo arrivato nel 2016 quando la formazione di Mike Sullivan sconfisse i San Jose Sharks in sei partite, i Pens son riusciti a ripetersi vincendo il trofeo con lo stesso quantitativo di gare in finale contro i Nashville Predators. Per Pittsburgh si tratta della quinta Stanley Cup nella storia della franchigia.

GARA 6 IN TRASFERTA – Ancora una volta è il sesto match a consegnare il trofeo nelle mani dei “pinguini”. Una partita pazzesca alla Bridgestone Arena terminata per 2-0 grazie alle reti di Patric Hornqvist e Carl Hagelin. Il gol decisivo è stato segnato proprio dall’ex Nashville ed è arrivato a 1 minuto e 35 secondi dal termine dei tempi regolamentari. Hornqvist è stato bravo a farsi trovare pronto a seguito della respinta sul tiro dalla distanza di Justin Schultz. Dal lato sinistro della porta difesa da Pekka Rinne, lo svedese è riuscito a trovare lo spazio per alzare il puck mandandolo dietro la schiena del goalie finnico. Partita chiusa dall’empty-net goal di Carl Hagelin che in velocità, raccoglie il passaggio di Brian Dumoulin, brucia la difesa avversaria, ed insacca a porta libera scatenando la festa a 14 secondi dal termine.

MVP TRA L’ATTACCO E LA PORTA – Per il secondo anno di fila il Conn Smythe Trophy, premio istituito dalla NHL per il miglior giocatore dei playoff, è andato a Sidney Crosby. Il capitano dei Pittsburgh Penguins ha chiuso la post-season in seconda posizione nella classifica giocatori con 8 reti e 19 assist per un totale di 27 punti registrati. Crosby diventa il così il terzo giocatore nella storia della lega a centrare per due anni di fila il premio di MVP, prima di lui solamente Bernie Parent (1974-1975) e Mario Lemieux (1991-1992). Esulta anche il portiere Matt Murray che chiude gara-6 mantenendo nuovamente la porta inviolata (27 salvataggi). Murray diventa il primo goalie nella storia della lega a vincere i due match decisivi per la Stanley Cup nelle prime due stagioni della carriera. Nota d’onore anche per l’allenatore Mike Sullivan che supera tutti i colleghi statunitensi diventando il primo coach, a stelle e strisce, a vincere la coppa per due volte.

RIPROVACI NASHVILLE – Termina con un’amara delusione il cammino dei Nashville Predators. Per la prima volta nella storia, la franchigia del Tennessee aveva raggiunto, con un pizzico di sorpresa, la finale della Stanley Cup. Nel loro cammino i Predators son stati letali ed hanno eliminato agevolmente i Chicago Blackhawks, i St. Louis Blues e gli Anaheim Ducks centrando, comunque, il titolo della Western Conference. La solidità di Pekka Rinne, l’apporto straordinario di una difesa guidata dai grandi nomi di Roman Josi, P. K. Subban e Ryan Ellis, passando per l’attacco dove troviamo i vari Filip Forsberg, Viktor Arvidsson, Ryan Johansen e Mike Fisher. Un roster compatto che durante i playoff si è unito ancor di più tanto da formare una squadra nelle vesti di “contender”. La favola del 2017 termina qui ma rimane la consapevolezza di poter scrivere pagine importanti nella storia dei “gold”.

STATISTICHE DA PLAYOFF – Nonostante il ‘Conn Smythe Trophy’ sia stato vinto da Sidney Crosby, il miglior “point-scorer” della Stanley Cup è stato Evgeni Malkin. Il russo ha raccolto un punto in più del suo capitano per effetto delle 10 reti e 18 assist. Dietro a Crosby troviamo altri due giocatori dei Penguins con Phil Kessel (8 G, 15A) e Jake Guentzel (13G, 8A), quest’ultimo il “capocannoniere” della post-season. Per trovare un giocatore dei Nashville Predators, però, bisogna scalare direttamente in settima posizione saltando i nomi prestigiosi di Ryan Getzlaf (Anaheim Ducks) e Erik Karlsson (Ottawa Senators). Filip Forsberg è stato l’uomo più prolifico dei gol con 16 punti (9G, 7A) seguito da Roman Josi 11° e Ryan Ellis 14°.

La top-10 dei marcatori nella Stanley Cup Playoffs 2017

  1. Evgeni Malkin, Pittsburgh Penguins (28 punti, 10G, 18A)
  2. Sidney Crosby, Pittsburgh Penguins (27 punti, 8G, 19A)
  3. Phil Kessel, Pittsburgh Penguins (23 punti, 8G, 15A)
  4. Jake Guentzel, Pittsburgh Penguins (21 punti, 13G, 8A)
  5. Ryan Getzlaf, Anaheim Ducks (19 punti, 8G, 11A)
  6. Erik Karlsson, Ottawa Senators (18 punti, 2G, 16A)
  7. Filip Forsberg, Nashville Predators (16 punti, 9G, 7A)
  8. Leon Draisaitl, Edmonton Oilers (16 punti, 6G, 10A)
  9. Bobby Ryan, Ottawa Senators (15 punti, 6G, 9A)
  10. Jakob Silfverberg, Anaheim Ducks (14 punti, 9G, 5)

IL CAMMINO DEI PENGUINS – I Pittsburgh Penguins, dopo aver raggiunto il secondo posto in Metropolitan Division nella regular season, son riusciti ad avere la meglio contro tutti nonostante qualche partita intricata che poteva costare l’eliminazione. Quarti di finale di Conference agevoli contro la terza classifica, Columbus Blue Jackets, sconfitta nel giro di 5 gare senza mai entrare realmente nella serie. Tra le semifinali e le finali della Eastern Conference, Sidney Crosby e compagni hanno rischiato per ben due volte l’eliminazione prevalendo nelle complicate gare-7 contro i Washington Capitals e gli Ottawa Senators. Percorso terminato con i Nashville Predators in 6 match, ecco tutti i risultati dei campioni in carica.

Il cammino dei Pittsburgh Penguins nella Stanley Cup Playoffs 2017

EASTERN CONFERENCE, Quarti di finale: Pittsburgh Penguins-Columbus Blue Jackets

Gara 1, Penguins-Blue Jackets 3-1
Gara 2, Penguins-Blue Jackets 4-1
Gara 3, Blue Jackets-Penguins 4-5 OT
Gara 4, Blue Jackets-Penguins 5-4
Gara 5, Penguins-Blue Jackets 5-2

EASTERN CONFERENCE, Semifinale: Washington Capitals-Pittsburgh Penguins

Gara 1, Capitals-Penguins 2-3
Gara 2, Capitals-Penguins 2-6
Gara 3, Penguins-Capitals 2-3 OT
Gara 4, Penguins-Capitals 3-2
Gara 5, Capitals-Penguins 4-2
Gara 6, Penguins-Capitals 2-5
Gara 7, Capitals-Penguins 0-2

EASTERN CONFERENCE, Finale: Pittsburgh Penguins-Ottawa Senators

Gara 1, Penguins-Senators 1-2 OT
Gara 2, Penguins-Senators 1-0
Gara 3, Senators-Penguins 5-1
Gara 4, Senators-Penguins 2-3
Gara 5, Penguins-Senators 7-0
Gara 6, Senators-Penguins 2-1
Gara 7, Penguins-Senators 3-2 2OT

STANLEY CUP FINAL 2017: Pittsburgh Penguins-Nashville Predators

Gara 1, Penguins-Predators 5-3
Gara 2, Penguins-Predators 4-1
Gara 3, Predators-Penguins 5-1
Gara 4, Predators-Penguins 4-1
Gara 5, Penguins-Predators 6-0
Gara 6, Predators-Penguins 0-2

About the Author /

Nato ad Oristano il 2 aprile 1994. Dalla Formula 1 al calcio, passando per tennis, sci alpino e NHL: semplicemente un malato di sport con tanti sogni nel cassetto.