Sampdoria, ore decisive per offerta fondo Usa. Il Cda: “Fondamentale unità d’intenti”

Tifosi curva Sampdoria I tifosi della Sampdoria a Marassi - Foto Marti

“Il Consiglio di Amministrazione di U.C. Sampdoria S.p.a. si è riunito questa mattina, nella sua interezza e alla presenza del Collegio Sindacale, per deliberare l’approvazione della situazione patrimoniale intermedia al 30 settembre 2022 ai sensi dell’art. 85 delle Norme Organizzative Interne della FIGC (NOIF). Il CdA all’unanimità ha confermato l’attuale governance della società e la piena coesione interna e la massima fiducia nell’operato di tutti i dirigenti che hanno agito e agiscono nell’esclusivo interesse del club. In questo momento storico il CdA ribadisce infine l’importanza di mantenere una imprescindibile unità di intenti tra tutte le componenti. Questa la nota del Cda della Sampdoria che si è riunito quest’oggi per approvare il bilancio del terzo trimestre.

Un incontro che è servito anche come sorta di “preparazione” in vista della fondamentale assemblea degli azionisti del prossimo 14 dicembre. In quella data, il Cda chiederà all’azionista di maggioranza di ricapitalizzare, e per questo ci saranno da capire sia le mosse di Massimo Ferrero, sia le intenzioni del fondo statunitense che è in contatto con l’advisor Lazard per l’acquisto. L’offerta a stelle e strisce ancora non è arrivata, ma il tempo per arrivare ad una decisione definitiva sta per scadere.