Serie A 2018/2019, numeri e statistiche della terza giornata

Patrick Schick Patrick Schick - Foto Antonio Fraioli

È già tempo di tornare in campo per la terza giornata di Serie A: venerdì alle 20,30 a San Siro il Milan ospita la Roma con Eusebio Di Francesco che sarà regolarmente in panchina dopo l’operazione alla mano sinistra per la rottura del quinto metacarpo. I rossoneri cercano il riscatto dopo la sconfitta di sabato sera al San Paolo contro il Napoli ma non vincono in casa contro i giallorossi da tre anni, l’ultimo successo del Milan infatti risale al 9 maggio 2015 (2-1 con reti di van Ginkel e Destro). Partita delicata al Dall’Ara tra Bologna e Inter (sabato alle 18,00): entrambe le squadre vogliono invertire la marcia poiché sia i rossoblu che i nerazzurri sono fermi a quota uno, lo scorso anno finì 1-1, al vantaggio di Verdi rispose Icardi su rigore. A seguire alle 20,30 la Juventus fa visita al Parma con Cristiano Ronaldo alla ricerca del primo gol in Serie A con la maglia bianconera, i gialloblu invece cercano i tre punti dopo il k.o di domenica scorsa contro la Spal. L’ultimo incrocio tra le due formazioni al Tardini risale all’11 aprile 2015: vinsero i ducali 1-0 grazie alla rete di Josè Mauri.

Domenica alle 18,00 sfida casalinga per la Fiorentina contro l’Udinese: sia i viola che i bianconeri sono reduci da due vittorie nell’ultimo turno rispettivamente contro Chievo e Sampdoria. Il 15 ottobre 2017 la gara finì 2-1 per la Fiorentina grazie ad una doppietta dell’ex Thereau. Alle 20,30 all’Atleti Azzurri d’Italia l’Atalanta incontra il Cagliari: i sardi proveranno di nuovo a vincere dopo il successo della scorsa stagione per 2-1, decisivi furono Pavoletti e Padoin. Alla stessa ora il Chievo prova a dimenticare la pesante sconfitta di domenica scorsa in casa della Fiorentina nella sfida interna contro l’Empoli, i toscani non battono i clivensi dal febbraio 2015 quando si imposero al Castellani per 3-0.

All’Olimpico va in scena Lazio-Frosinone: la squadra di Inzaghi insegue i primi tre punti della stagione mentre quella di Longo sogna il colpaccio, ma i precedenti per gli ospiti non sono incoraggianti in quanto il 4 ottobre 2015 il match finì 2-0 per i biancocelesti grazie ai gol di Keita e Djordjevic, la gara di ritorno terminò invece 0-0. A Marassi il Napoli di Carlo Ancelotti incrocia la Sampdoria, i doriani cercano il riscatto dopo il k.o contro l’Udinese ma non hanno uno score positivo contro gli azzurri. I blucerchiati infatti hanno perso 12 delle ultime 14 sfide e non vincono in casa contro i partenopei dal 16 maggio 2010 (1-0 rete di Pazzini).

Il Sassuolo sfida in casa il Genoa dopo il pareggio in extremis contro il Cagliari: il tecnico degli ospiti Ballardini non batte i neroverdi in trasferta da due anni. Chiude la terza giornata Torino-Spal: dopo le vittorie per 1-0 contro Bologna e Parma, la squadra di Semplici è l’unica con la porta inviolata dopo due turni. Ma i ferraresi dovranno sfatare un grande tabù, hanno vinto solo sei volte a Torino (l’ultima nel 1981). In questo turno non è previsto il “Monday Night” perché sabato sera Roberto Mancini diramerà la lista dei convocati per le prime due partite della nuova “Nations League”: gli Azzurri dovranno vedersela con Polonia e Portogallo (il primo match si giocherà al Renato Dall’Ara di Bologna, il secondo a Lisbona).