Nba 2022/2023: Tatum abbatte i Bucks, Jokic è stellare nella vittoria Nuggets. Golden State supera Memphis

NBA - Jayson Tatum - Boston Celtics Jayson Tatum - Photo by All-Pro Reels (CC BY-SA 2.0)

Dopo il successo dei Philadelphia 76ers sui New York Knicks e quello dei Dallas Mavericks ai danni dei Los Angeles Lakers, il Christmas Day 2022/2023 dell’NBA si è concluso con altre tre sfide di lusso. Con un secondo tempo da favola e un Jayson Tatum da onnipotenza cestistica i Boston Celtics vincono la sfida al vertice della Eastern Conference, superando 139-118 i Milwaukee Bucks. 41 punti per il prodotto di Duke University, come sempre ben assistito da Jaylen Brown, che ne ha messi 29 a referto. Per i Bucks, ancora senza Middleton, i 27 di Antetokounmpo e i 23 di Holiday non sono risultati abbastanza per rimanere in partita nel corso degli ultimi 24′ di gioco.

RISULTATI E CLASSIFICHE

Non sembra esserci molto amore tra Golden State Warriors e Memphis Grizzlies, tra la franchigia più o meno dominatrice degli ultimi sei/sette anni e i giovani in ascesa desiderosi di prendersi il palcoscenico della Western Conference. Pur senza Steph Curry, e reduci da un tour sulla costa Est molto negativo sul piano delle prestazioni e dei risultati, i californiani hanno dimostrato però di tenere tanto a questa sfida e si sono imposti 123-109. Jordan Poole ne segna 32, Donte DiVincenzo sostituisce alla grande Curry e chiude con 19 punti e cinque triple; 24 per Klay Thompson. Ai Grizzlies non basta un Ja Morant da 36 punti, 7 rimbalzi e 8 assist, in quest’occasione poco aiutato dai suoi compagni di squadra.

Così in vetta all’Ovest ci salgono i Denver Nuggets, dopo il 128-125 all’overtime sui Phoenix Suns che ha chiuso la spettacolare serata/nottata di basket a stelle e strisce. Jokic, al solito, è una forza della natura: 41 punti, 15 rimbalzi, 15 assist. Di nuovo numeri da capogiro per il centro serbo, in un match in cui i Nuggets hanno trovato anche un vintage Aaron Gordon, sia per il tabellino (28 punti, 13 rimbalzi), che per la clamorosa schiacciata che ci ha riportato indietro di qualche anno, quando indossava la jersey degli Orlando Magic. I Suns hanno dovuto fare a meno di Devin Booker, che rientrava da un problema all’inguine ed ha resistito solamente quattro minuti prima di ritornare negli spogliatoi. Non sono bastati i 31 punti del suo “sostituto” Landry Shamet.

Boston Celtics-Milwaukee Bucks 139-118

Golden State Warriors-Memphis Grizzlies 123-109

Denver Nuggets-Phoenix Suns 128-125 OT