Virtus Bologna, Scariolo: “Una grande notte, abbiamo gestito bene le difficoltà”

Sergio Scariolo Sergio Scariolo, Virtus Bologna - Foto LiveMedia/Michele Nucci

Il tecnico della Virtus Bologna, Sergio Scariolo, ha commentato la vittoria ottenuta in Eurolega contro il Panathinaikos. Queste le sue parole sul sito ufficiale della squadra: “Molto felice per la vittoria e per i tifosi che hanno goduto della vittoria in casa dopo una sconfitta meritata e una meno, la scorsa settimana. Abbiamo tenuto una ottima difesa per tutta la durata della partita. Abbiamo tenuto i loro top scorer a 18 punti, con pessime percentuali, anche se abbiamo fatto un brutto terzo quarto. Alcuni dei nostri giocatori più importanti erano veramente tanto stanchi e lo hanno mostrato ma mi è piaciuto come è stata gestita la situazione quando loro sono andati in vantaggio: non volevo che si facessero prendere dal panico con time out nervosi e che sapessero gestire la situazione, imparando a fronteggiarla e sono stati in grado di farlo. Penso che la cosa più importante sia stata la capacità di gestire una situazione di confusione. Difesa fantastica, specie su Bacon e Williams tenendoli a 18 punti e per questo sono stati fantastici. Una notte fantastica, ora si pensa alla prossima. In generale sono rimasto molto soddisfatto del primo tempo anche se abbiamo avuto qualche momento di difficoltà, dovuto a incastri difficili con i quintetti e con gli equilibri, perchè la prima entrata dalla panchina, per essere gentili, non ha coinciso con un buon momento della squadra. Però l’abbiamo ripresa subito e abbiamo chiuso il primo quarto con il massimo vantaggio ma in generale tutto il primo tempo è stato eccellente. Nello specifico torno alla difesa, soprattutto nei confronti dei loro top player e sottolineo che in una partita dal punteggio non tanto alto, avere 22 assist su 24 canestri è un ottimo dato sulla qualità della circolazione palla. Una volta di più i momenti peggiori sono stati quando la palla si è fermata, sugli isolamenti, su quando non abbiamo palleggiato e non abbiamo attaccato verticalmente l’area per creare per i compagni prendendo tiri difficili. E’ un difetto che abbiamo, che dobbiamo provare a correggere e lavoreremo in questo senso”.

Poi ha aggiunto: “Il fatto di aver ripreso i 10 punti di vantaggio in tempo per controllare è stato un fatto positivo. La salute che ci è mancata durante molti mesi e adesso pian piano sta tornando e questo è fondamentale, anche se alcuni devono crescere in termini di forma fisica. Alcuni giocatori hanno trascinato mezzi infortuni che ne limitavano il rendimento e questo si è sentito molto. Milos per esempio nel terzo quarto era veramente provato e fa sempre il possibile, gliene rendiamo merito: lui ha riposato un po’ in panchina e Iffe è tornato in campo in maniera positiva. Teodosic è tornato dopo più fresco. Se qualcuno dovesse fermarsi quando ne hai tredici effettivi puoi riattivare quelli che non hanno giocato meno o non hanno giocato. Diverso è quando ne hai due, tre, quattro, cinque assenti o al 30%, fai fatica. Adesso sembra che da questo punto di vista stiamo recuperando.”