GP Ungheria: Hamilton e Gasly i più veloci nelle libere ma la pioggia rovina i piani dei team

Lewis Hamilton, Mercedes F1 - Foto Bruno Silverii Lewis Hamilton, Mercedes - Gran Premio d'Australia, Foto Bruno Silverii

La Mercedes con Hamilton comanda la prima sessione di prove libere del Gran Premio d’Ungheria mentre la Red Bull con Gasly quella del pomeriggio. Ferrari all’inseguimento, in difficoltà in mattinata e durante le FP2 ha avuto diversi problemi al posteriore, non convincendo con le prestazioni dei due piloti. La pioggia ha rovinato il lavoro dei team in FP2, che dovranno fare la simulazione passo gara domani mattina.

Nella prima sessione di prove libere all’Hungaroring Lewis Hamilton è stato il più veloce con un tempo di 1:17.233. Il weekend della Mercedes, però, non è iniziato nel migliore dei modi: Bottas non ha potuto prendere alla FP1 per via di un problema alla power unit. Per precauzione il team tedesco ha deciso di sostituire il motore, ma senza penalità visto che è l’unità usata al venerdì. Dietro al cinque volte campione del mondo ci sono rispettivamente Verstappen e Vettel che sono divisi dal pilota inglese soltanto da un decimo e mezzo (165 millesimi per l’esattezza). Durante la sessione Leclerc e Vettel hanno testato i nuovi bargeboards e il nuovo fondo, novità che sembrano funzionare sulle due SF90. Quarto Gasly a mezzo secondo dal leader, davanti a Magnussen (+0.709) e Leclerc, che ha fatto delle sbavature nel suo giro lanciato. Settima posizione per Hulkenberg (+1.184) che si posiziona davanti ai due della McLaren, rispettivamente ottavo Norris e nono Sainz. Chiude la top ten Raikkonen ad un secondo e mezzo da Hamilton.

La sessione del pomeriggio condizionata dalla pioggia ha avuto come leader è Gasly con un crono di 1:17.854, precedendo Verstappen e Lewis Hamilton. Il pilota francese della Red Bull ha utilizzato la gomma soft, invece Verstappen gomma media e Hamilton la mescola più dura. Quarta posizione per Bottas che in queste FP2 ha cambiato il motore, CE e batteria senza prendere penalità. Quinta posizione per Ricciardo a sette decimi dal leader e precede Raikkonen (+0.828). La prima Ferrari è quella di Leclerc (tempo fatto con gomma media) ad un secondo da Gasly. Fin quando la pista è stata asciutta le due SF90 hanno avuto problemi di instabilità al posteriore non riuscendo a scaldare le gomme anteriori. Soltanto tredicesimo Sebastian Vettel. Chiudono la classifica Hulkenberg in ottava posizione (+1.038), nono Giovinazzi (+1.055) e Kvyat in decima posizione. Durante la sessione c’è stata l’uscita di pista di Albon in curva 14. Lando Norris, invece, non ha potuto prendere parte alla FP2 per via di un problema idraulico. Fondamentale sarà dunque la FP3 di domani, perché il proseguo del weekend si svolgerà con pista asciutta.