Golf, Eurotour: ad Hong Kong Molinari, Paratore e Bertasio

Renato Paratore - Foto profilo FB ufficiale

Dopo la doppia apertura in Sudafrica e in Australia, l’European Tour 2017 fa tappa a Hong Kong per l’UBS Hong Kong Open (8-11 dicembre), organizzato in collaborazione con l’Asian Tour,  dove saranno al via Edoardo Molinari, Renato Paratore e Nino Bertasio.

Sul percorso dell’Hong Kong Open, a Fanling, danno gran qualità al field gli inglesi Justin Rose, oro olimpico e campione uscente, Danny Willett, Masters Champion, e Ian Poulter insieme a Patrick Reed, trascinatore della squadra americana nell’ultima Ryder Cup, e agli spagnoli Miguel Angel Jimenez, vincitore del torneo nel 2012 e 2014, Pablo Larrazabal  e Rafael Cabrera Bello. Altri possibili protagonisti i thailandesi Thongchai Jaidee e Kiradech Aphibarnrat, gli indiani Arjun Atwal, S.S.P. Chawrasia e Gaganjeet Bhullar, i filippini Antonio Lascuna e Miguel Tabuena,  il malese Danny Chia e gli australiani Brett Rumford e Scott Hend, a segno nell’altra edizione 2014 della gara.

Fa il debutto stagionale Renato Paratore, dopo la bella chiusura del tour 2016 con le toniche prove negli ultimi tre tornei in Turchia, Sudafrica e Dubai, mentre è subito tempo di riscatto per Edoardo Molinari e Nino Bertasio, usciti al taglio la settimana scorsa nell’Australian PGA Championship. Dopo questo evento il circuito osserverà un mese di pausa, poi tornerà in Sudafrica per il BMW South African Open (12-15 gennaio). Il montepremi è di due milioni di dollari (circa 1.878.300 euro con prima moneta di 311.844 euro).

Il torneo su Sky – L’UBS Hong Kong Open andrà in onda in diretta su Sky. Prima giornata: giovedì 8 dicembre, delle ore 7 alle ore 10 (Sky Sport 2 HD e Sky Sport Mix HD)

Diana Luna, Giulia Sergas, Stefania Croce e Sophie Sandolo sono nel field dell‘Omega Dubai Ladies Masters (7-10 dicembre), ultima gara stagionale del Ladies European Tour che si disputa sul percorso dell’Emirates Golf Club a Dubai. Difende il tiolo la cinese Shanshan Feng in un contesto che comprende altre due giocatrici del circuito statunitense, l’inglese Charley Hull e la norvegese Suzann Pettersen, insieme a ottime proettes come le francesi Gwladys Nocera e Valentine Derrey, la spagnola Nuria Iturrios, le inglesi Trish Johnson e Laura Davies e l’americana Cheyenne Woods, nipote di Tiger. Ci saranno anche alcune reduci dalla Qualifying School del LPGA Tour dove hanno ottenuto la ‘carta’: la 18enne indiana Aditi Ashok, le danesi Emily Pedersen e Nicole Brock Larsen, la transalpina Celine Boutier e la statunitense Beth Allen. Quest’ultima sarà sicuramente la  numero uno della money list del LET 2016 avendo ormai un margine incolmabile su Aditi Ashok. Il montepremi è di 500.000 euro