Ciclismo, Europei Monaco 2022 prova in linea uomini Elite: startlist e favoriti

Fabio Jakobsen - Foto Twitter

Domenica 14 agosto si disputa la prova in linea degli uomini elite di ciclismo agli Europei di Monaco. Il percorso è pianeggiante per cui ci si aspetta un velocista ad alzare le braccia al cielo per andare così ad ereditare la maglia di campione europeo di Sonny Colbrelli. L’Italia ha vinto le ultime quattro edizioni degli Europei e tenterà di ottenere per il quinto anno consecutivo la medaglia d’oro con Alberto Dainese e Giacomo Nizzolo, campione nel 2020. Dainese ha ottenuto un terzo posto di tappa al Tour e si è piazzato quinto al Circuito Franco Belga, mentre il milanese non ha ottenuto grandi risultati nelle ultime uscite ma sarà sempre da tenere d’occhio. In caso di corsa più dura ci sarà anche l’opzione del campione 2018 Matteo Trentin, per una squadra che può contare anche sul supporto di Filippo Ganna.

Aggiornamento 13/08: Giacomo Nizzolo non sarà al via degli Europei di Monaco. Una caduta ha messo fuori gioco il campione 2020, con il ct Daniele Bennati che al suo posto ha optato per schierare Elia Viviani. L’olimpionico dell’Omnium a Rio 2016 si trovava già in Baviera per partecipare alle gare in pista.

EUROPEI 2022: I CALENDARI DI TUTTI GLI SPORT

PERCORSO E ALTIMETRIA

EUROPEI CICLISMO SU STRADA 2022: CALENDARIO COMPLETO

I favori del pronostico vanno però assegnati all’Olanda, che ha costruito la squadra attorno a Fabio Jakobsen. Il classe 1996 è il corridore che ha alzato le braccia al cielo più volte in stagione, ben undici, e viene da un Tour de France dove ha vinto una tappa. Il percorso è adattissimo alle sue caratteristiche per cui avrà ottime chance di portare all’Olanda l’unica medaglia che manca nel medagliere degli Europei, quella d’oro. Il primo rivale per l’olandese viene dalla Francia ed è Arnaud Demare, medaglia d’argento nell’edizione del 2020.
Il francese ha saltato il Tour de France ed è andato in Polonia, dove ha ottenuto una bella vittoria di tappa pochi giorni fa dimostrando di avere un’ottima condizione, per cui se la giocherà sicuramente. Dopo i due favoriti possiamo individuare, oltre al nostro Dainese, una nutrita schiera di corridori che tenteranno il colpo grosso.
Tim Merlier sarà la carta del Belgio, anche se dopo la vittoria nei campionati nazionali di giugno non ha ottenuto risultati rilevanti. Pascal Ackermann, piazzatosi al terzo posto sia nel 2019 che nel 2020, tenterà di migliorare il risultato per una Germania che schiera anche Phil Bauhaus, al termine di un Giro di Polonia dove entrambi i velocisti teutonici hanno alzato una volta le braccia al cielo.

L’Irlanda punterà tutto su Sam Bennett, anche se nelle ultime uscite stagionali non ha brillato come in passato.
Il vincitore dell’edizione 2017 Alexander Kristoff cercherà di ottenere il bis per la Norvegia dopo aver mostrato una bella condizione nel post Tour de France, vincendo al Circuito Franco Belga.
Dovranno cercare di andare di fantasia sia Mads Pedersen per la Danimarca che Ivan Cortina per la Spagna, su un percorso probabilmente troppo semplice per loro, per cui dovranno provare ad attaccare da lontano.