Doping, Alex Schwazer chiede la sospensione della squalifica di otto anni del Tas

Alex Schwazer - Foto Colombo Fidal

Alex Schwazer non ci sta. Il marciatore azzurro ha deciso di chiedere la sospensione della squalifica di otto anni per doping che gli è stata inflitta dal Tas di Losanna nell’agosto del 2016, a pochi giorni dalle Olimpiadi di Rio. A confermarlo all’Ansa è l’avvocato di Schwazer Gerhard Brandstatter, e la decisione nasce in seguito alle dichiarazioni del gip di Bolzano Walter Pelino che ha ritenuto fondata l’ipotesi della manipolazione del campione di urina poi utilizzato per il controllo antidoping che fruttò all’italiano dell’atletica una squalifica di otto anni.