Golf, PGA Championship 2017: grandissimo secondo posto di Francesco Molinari, vince Justin Thomas

di - 14 agosto 2017
Francesco Molinari, Open d'Italia 2016, foto Federgolf

Con una grandissima prestazione Francesco Molinari (73 64 73 67, -6) ha chiuso al secondo posto il PGA Championship 2017, ultimo dei quattro major stagionali, andato in scena al Quail Hollow Club (par 71) di Charlotte, in North Carolina. Un ultimo round di grande spettacolo che ha visto l’azzurro protagonista fino alla fine e superato solamente da uno straordinario Justin Thomas, che con lo score finale di -8 ha ampiamente meritato il primo major in carriera.

Al secondo posto con l’azzurro, che eguaglia il miglior risultato di un italiano negli Slam (Costantino Rocca fu 2° nell’Open Championship 1995, sconfitto al playoff) chiudono lo statunitense Patrick Reed e il sudafricano Louis Oosthuizen, mentre al quinto posto con -5 terminano Rickie Fowler ed un deludente Hideki Matsuyama, che oggi ha gettato alle ortiche una ghiottissima occasione. Buone le rimonte di Jason Day, 10° con -1, e di Dustin Johnson, alla fine 13° con score pari al par insieme anche ad Henrik Stenson. Rimonta di 25 posizioni anche di Rory McIlroy, che chiude però 22° a +1 e avanza dubbi sul futuro prossimo a causa del protrarsi di alcuni acciacchi fisici.

Si è trattato di un’ultima giornata al cardiopalma, che ha vissuto di continui ribaltamenti di fronte. Molinari, partito prima rispetto ai diretti rivali per il successo, ha iniziato con solidità grazie a due birdie e nessun bogey nelle prime nove buche. Il primo passaggio a vuoto è arrivato con il bogey della 10, a cui però ha fatto seguito una sequenza meravigliosa di quattro birdie nelle successive cinque buche. L’azzurro ha così lasciato il green della 15 in testa alla gara insieme ad altri quattro giocatori, per poi lasciare la vetta della classifica a Justin Thomas a causa del bogey della 16. Nel frattempo Thomas ha sigillato il successo prima con l’approccio in buca al par 3 della 13 e poi con un gran salvataggio alla 16, seguito da un altrettanto importante birdie alla 17. Sono stati questi i tre momenti chiave della vittoria dello statunitense, che a soli 24 anni si lancia ulteriormente nel gotha del golf mondiale.

Per Francesco Molinari arriva un’ulteriore prova del suo valore davanti ai migliori del mondo, categoria a cui il piemontese appartiene di diritto da anni. Con questo secondo posto “Chicco” rientrerà tra i migliori 20 del ranking mondiale e risalirà importanti posizioni nella Race to Dubai dello European Tour e nella FedEx Cup del PGA Tour. Adesso tutti gli appassionati lo aspettano al Golf Club Milano, dove dal 12 al 15 ottobre difenderà il titolo dell’Open d’Italia. Ma prima ci sono i playoff del PGA Tour, dove potrebbero arrivare nuove grandi soddisfazioni.

© riproduzione riservata