Corrado Barazzutti: “Obiettivo per Fognini è poter competere nei primi tornei su terra”

Corrado Barazzutti - Foto Ray Giubilo

Fabio Fognini, niente Stati Uniti, si punta alla mini-stagione su terra rossa. Il ligure, reduce dall’operazione ad entrambe le caviglie, sta procedendo con il recupero e come rivelato a “Supertennis” da Corrado Barazzutti, coach dell’azzurro, presto si ricomincerà a fare sul serio: “Domenica prossima scadranno i 40 giorni dall’operazione che Fabio ha sostenuto ad entrambe le caviglie – ha detto il capitano di Davis -. Da lunedi’ ricomincerò ad allenarlo con tutte le attenzioni. L’obiettivo e’ metterlo in condizione di poter competere nei primi tornei sulla terra battuta”.

Sui tornei negli Usa smentisce: “No, non ci sono i tempi. E poi, se vuoi la mia opinione, neanche si giochera’ in America. La situazione mi pare troppo grave e non credo che migliorera’ in tempi brevi. Dato che negli Usa non fanno alcun tipo di lock down, e non lo vogliono neanche fare, presumo che il numero dei contagi sara’ sempre molto alto e quindi, secondo me, finira’ che rinunceranno al torneo. Mi risulta che comunque una decisione verra’ presa tra il 13 e il 15 di questo mese”.

“Ci alleneremo e ci prepareremo per la stagione sulla terra sperando che si possa giocare come previsto a Madrid, Roma e Parigi. Per poi magari proseguire la con stagione europea indoor, fino alle Atp Finals. Vedremo se il virus consentira’ di portare avanti questo programma”, ha concluso Barazzutti.