Tiro a volo, dal 9 al 14 ottobre il Mondiale di Para-Trap a Sydney: 9 azzurri convocati

Luca Pancalli, Luciano Rossi Luca Pancalli e Luciano Rossi - Foto Sportface

Tutto pronto per il Mondiale di Para-Trap che si disputerà a Sydney, in Australia, dal 9 al 14 ottobre. La presentazione della spedizione, che partirà il prossimo 7 ottobre, è avvenuta presso la Sala A del Palazzo delle Federazioni di Viale Tiziano, a Roma, con la presenza del presidente del Comitato italiano paralimpico Luca Pancalli e il numero uno della Federazione italiana tiro a volo Luciano Rossi. “Vi ringraziamo, il Para-Trap non avrebbe mai visto luce se non ci fosse stata la vostra condivisione, la vostra tenacia e la vostra determinazione nel volerlo portare avanti – ha sottolineato Pancalli – L’obiettivo è vedere il Para-Trap nel programma paralimpico, ci stiamo lavorando tanto ed il vostro orgoglio è meritato. Se oggi esiste un campionato del Mondo, se oggi esiste il Para-Trap, è perché ci avete creduto”.

La squadra azzurra, sostenuta dalla Fondazione Internazionale Terzo Pilastro del Presidente Emmanuele Francesco Maria Emanuele, sarà impegnata nell’impianto del Sydney International Shooting Centre, lo stesso che ha ospitato le gare dei Giochi Olimpici del 2000, con gli allenamenti ufficiali e la competizione. “Questa è un’iniziativa che parte dall’Italia grazie alla lungimiranza di Pancalli che ha condiviso con noi questa idea – ha affermato il presidente della Fitav Luciano Rossi – Vogliamo dare concretezza al nostro agire, il prossimo anno infatti ospiteremo i Mondiali di Para-Trap a Lonato del Garda”. Sono nove gli azzurri che parteciperanno alla rassegna iridata guidati dal commissario tecnico Benedetto Barberini che si confronteranno con le altre tredici nazioni in gara: Davide Fedrigucci e Oreste Lai per la categoria Sitting (PT-1), Saverio Cuciti, Alessandro Spagnoli, Raffaele Talamo e Antonino Ventre per la categoria Standing (PT-2), Mirko Cafaggi, Francesco Nespeca ed Emilio Poli per la categoria Standing (PT-3): “Ho grossa fiducia in loro – ha dichiarato il commissario tecnico – abbiamo lavorato intensamente e siamo competitivi”.