Nuoto paralimpico, Mondiali Madeira 2022: azzurri da record, primi nel medagliere

Simone Barlaam - Foto Ferraro/Cip Simone Barlaam - Foto Ferraro/Cip

L’Italia del nuoto paralimpico continua a superare record. Gli azzurri, impegnati al Mondiale di Madeira, chiudono la manifestazione al primo posto del medagliere con 64 medaglie totali, ritoccando anche il primato di Londra 2019. In Portogallo la squadra del dt Riccardo Vernole si supera: 27 ori, 24 argenti, 13 bronzi. Decisivo l’ultimo giorno di gare: Angela Procida trionfa nei 200 stile libero S2, poi l’ennesimo successo a questi Mondiali per Stefano Raimondi, primo nei 100 dorso S10. C’è anche il terzo oro, invece, per Francesco Bocciardo, che domina i 100 stile libero S5; nei 50 stile libero S9, Simone Barlaam ottiene il suo quinto trionfo iridato a Madeira.

Grande oro della staffetta 4×100 stile libero composta da Giulia Terzi, Xenia Palazzo, Simone Barlaam e Stefano Raimondi, primi con 4:02.53, nuovo primato europeo. Soddisfatto Roberto Valori: “Abbiamo vinto tutto ed abbiamo vinto tutti – afferma il Presidente della FINP – è stato un Mondiale perfetto, incredibile, indimenticabile, stellare. Grazie di cuore a tutti”. Il presidente del comitato italiano paralimpico Luca Pancalli aggiunge: “Che spettacolo ragazze e ragazzi, siete straordinari! Anche questa volta vi siete superati, confermando il primo posto ai Mondiali ma con piu’ medaglie vinte”. Pancalli fa i complimenti a voi a tutta la Finp “a partire dal presidente Valori e ai tecnici guidati da Vernole per l’ottimo lavoro svolto in questi anni. Siete un modello a livello internazionale, non solo per gli incredibili risultati ma anche per i valori che riuscite a trasmettere”

About the Author /

Romano, nato in una calda estate del 1995 mentre la capitale iniziava a scoprire Francesco Totti e Alessandro Nesta. Cresciuto tra la terra e i sassi dei campetti della periferia romana e appassionato di scrittura. Ma tra il pallone e la penna ho scelto un compromesso: scrivere di calcio