Sci alpino, discesa Bad Kleinkirchheim 2018: Italia storica, è tripletta

di - 14 gennaio 2018
Sofia Goggia
Sofia Goggia - Foto Marco Trovati /Pentaphoto

Bad Kleinkirchheim si tinge d’azzurro. L‘Italia dello sci alpino riscrive la storia perché il podio è completamente tricolore: Sofia Goggia domina e stravince davanti a Federica Brignone e a Nadia Fanchini. Un risultato semplicemente incredibile in una discesa in cui la partenza è stata ribassata per le condizioni climatiche e che ha visto una prova molto tecnica in cui le azzurre si sono esaltate dominando letteralmente ed infliggendo distacchi abissali a tutta la concorrenza.

Che la gara potesse regalare emozioni particolari si è capito immediatamente vista la discesa di Federica Brignone – pettorale numero due – che è riuscita a tirar fuori la miglior discesa della sua carriera visto che il suo miglior risultato era un dodicesimo posto. Federica esulta al traguardo e poco dopo viene scavalcata da una perfetta Sofia Goggia, l’azzurra infligge distacchi abissali disputando una gara forse irripetibile. A completare questa giornata storica non poteva che esserci Nadia Fanchini, l’azzurra torna sul podio in Coppa del Mondo e scoppia in lacrime dedicando questo terzo posto alla sorella Elena che sta lottando per la discesa più importante della sua vita. A completare la grande giornata azzurra ci pensa Marta Bassino che con il pettorale numero quarantacinque arpiona la decima piazza.

LE ALTRE – C’era grande attesa per la gara di Lindsey Vonn, ma la statunitense ha fatto fatica ad esprimersi in queste condizioni ed in questa pista ed ha chiuso lontanissima dalle italiane, addirittura a tre secondi dalla Goggia. Tina Weirather è a piedi del podio, quinta a ventinove centesimi da Nadia Fanchini. Niente da fare anche per Lara Gut che deve accontentarsi dell’undicesimo posto mentre hanno fatto meglio le connazionali Flury e Gisin, seste a pari merito. L’ultima atleta che poteva insidiare il podio tricolore era l’austriaca Anna Veith ma perde tanto nella parte finale e termina all’ottavo posto. Da segnalare il quarto posto della francese Gauthier con il pettorale trentasei, ma nessuno può cancellare la storia: tripletta azzurra.

LA CLASSIFICA FINALE

1 Goggia (ITA) 1:04.00
2 Brignone (ITA) 1:05.10
3 Fanchini (ITA) 1:05.45
4 Gauthier (FRA) 1:05.59
5 Weirather (LIE) 1:05.74
6 Flury (SUI) 1:05.85
6Gisin (SUI) 1:05.85
8 Veith (AUT) 1:06.03
9 Venier (AUT) 1:06.06
10 Bassino (ITA) 1:06.08

© riproduzione riservata