Ciclismo su pista, Europei Monaco 2022: Italia avanti nell’inseguimento, ok anche Team Sprint maschile

Rachele Barbieri, Vittoria Guazzini, Martina Fidanza e Letizia Paternoster Rachele Barbieri, Vittoria Guazzini, Martina Fidanza e Letizia Paternoster - Foto LiveMedia/Sven Beyrich/JustPictures

Buone notizie per l’Italia del ciclismo su pista dopo la prima giornata degli Europei di Monaco di Baviera 2022. Le tre squadre impegnate nelle qualificazioni di Team Sprint ed inseguimento centrano l’obiettivo della qualificazione al primo turno.

Dopo la gara di qualificazione senza l’Italia del Team Sprint femminile, che vede la Germania chiudere davanti a Francia ed Olanda, scende in pista il giovane trio azzurro composto da Matteo Tugnolo, Matteo Bianchi e Daniele Napolitano. Gli italiani realizzano un crono di 36.813, che consente loro di chiudere in ottava posizione e di qualificarsi tra le migliori otto che accedono al primo turno. Miglior tempo per l’Olanda (35.036), che precede Gran Bretagna (35.638) e Francia (35.751).

Nelle qualificazioni dell’inseguimento femminile Rachele Barbieri, Vittoria Guazzini, Martina Fidanza e Letizia Paternoster si rendono protagoniste di una ottima prestazione, fermando il cronometro sul 4.16.510. Un tempo che vale il secondo posto alla spalle della sola Germania, autrice di uno spaziale 4.14.688. Tra le prime quattro anche Francia e Gran Bretagna. Le azzurre, dunque, andranno al primo primo turno con l’intenzione e la consapevolezza di poter puntare ad una medaglia.

Per quanto concerne le qualificazioni dell’inseguimento maschile, invece, il quartetto formato da Liam Bertazzo, Francesco Lamon, Manlio Moro e Davide Plebani si piazzano al terzo posto con il tempo di 3.55.920. Davanti alla formazione tricolore si issano Francia (3.54.125) e Danimarca (3.54.280). Ad ogni i quattro atleti italiani avanzano al turno successivo e sperano di stupire ancora, magari puntando alla medaglia dal metallo più prestigioso.

About the Author /

Mi chiamo Daniele Forsinetti, sono nato il 30 novembre 1996 ed ho una grande passione per la maggior parte degli sport. Scrivo per Sportface.it dal marzo 2020 e sogno di diventare un giornalista sportivo.