Tokyo 2020, regolamento pallanuoto: come funziona, tutto quello che c’è da sapere

Tokyo 2020

Si avvicina l’attesissimo torneo di pallanuoto alle Olimpiadi di Tokyo 2020: ecco dunque il regolamento, come funziona la competizione sia al maschile che al femminile e in generale tutto quello che c’è da sapere. Ricordiamo innanzitutto che il Settebello di Sandro Campagna parteciperà e arriva da campione del mondo in carica, dunque con chance di tornare a vincere un oro a Cinque Cerchi che manca dal 1992, mentre al femminile il Setterosa di Paolo Zizza sorpresa ha mancato la qualificazione ai Giochi.

Nel torneo maschile parteciperanno 12 squadre, divise in due gruppi da sei. Dunque ciascuna ha diritto a disputare un minimo di cinque incontri, poi al termine della fase a gironi le migliori quattro dei due gruppi andranno a comporre il tabellone dei quarti di finale dando vita alla fase a eliminazione diretta. Due punti per la vittoria, uno per il pareggio, zero per la sconfitta. In caso di parità di punti tra due o più squadre, per stabilire le posizioni da 1 a 6 nella classifica interna al girone, si andrà a verificare il numero di punti conquistati negli scontri diretti. Qualora dovesse persistere la parità, i criteri seguenti sarebbero la differenza reti totale e infine il numero di reti segnate totale. Ai quarti di finale, squadre accoppiate secondo il criterio A1-B4, A2-B3, B1-A4, B2-A3, quindi semifinali e finali. In caso di parità al termine dei tempi regolamentari nella fase a eliminazione diretta, due tempi supplementari da tre minuti ciascuno, se persiste la parità via libera ai rigori. Sarà prevista la finale terzo e quarto posto per assegnare la medaglia di bronzo. Come di consueto, si disputeranno anche le finali per stabilire le altre posizioni, dal quinto al settimo posto, passando per nono e undicesimo.

Passiamo al torneo femminile, dove al via ci sono dieci squadre e purtroppo non l’Italia. Anche in questo caso due gironi, stavolta da cinque, quindi quattro partite garantite e poi le migliori quattro di ciascun raggruppamento che avanzano ai quarti di finale sempre con lo schema A1-B4, A2-B3, B1-A4, B2-A3. Nel girone B, peraltro, sono presenti gli atleti della Russia senza bandiera per via dell’esclusione per i casi doping della nazione di Putin. Due punti per la vittoria, uno per il pareggio, zero per la sconfitta. In caso di parità di punti tra due o più squadre, per stabilire le posizioni da 1 a 5 nella classifica interna al girone, si andrà a verificare il numero di punti conquistati negli scontri diretti. Qualora dovesse persistere la parità, i criteri seguenti sarebbero la differenza reti totale e infine il numero di reti segnate totale. Nella fase a eliminazione diretta, in caso di parità dopo i quattro periodi regolamentari, due tempi supplementari da tre minuti ciascuno e in caso i rigori. Ci sarà spazio anche per la finale terzo e quarto posto per assegnare la medaglia di bronzo. E si disputeranno anche le finali per le altre posizioni di rincalzo, dal quinto al settimo posto.