Sport 2017, i dieci momenti più emozionanti (VIDEO)

Federica Pellegrini - Foto Roberto Proietti

Un altro anno di sport ci saluta, ma le emozioni restano. Un duemiladiciassette con tantissimi momenti che sono rimasti indelebili nella memoria di tutti gli sportivi. La redazione di Sportface.it ne ha scelti dieci: tutti da vivere sperando che il duemiladiciotto possa essere un altro anno con brividi del genere.

10 –  Eurolega Datome

Il Fenerbahce è sul tetto di Europa. La squadra turca vince l’Eurolega e viene trascinata anche da un super Gigi Datome che trionfa e rispetta la sua promessa: “Se vinco mi faccio tagliare i capelli”. Detto fatto: un trionfo vero e proprio.

9 Doppio Laver Cup Federer-Nadal

Roger Federer e Rafael Nadal insieme nella stessa metà campo. Un tabù che sembrava non potesse essere mai sfatato e invece ci ha pensato la Laver Cup a rendere tutto ciò possibile. Con Bjorn Borg capitano lo svizzero e lo spagnolo hanno dato spettacolo difendendo i colori europei contro il resto del mondo e battendo gli statunitensi Jack Sock e Sam Querrey. Una manifestazione sentitissima sia per Federer che per Nadal che hanno mostrato un coinvolgimento emotivo non indifferente.

8Barca-Psg 6-1

“Se siamo pazzi di questo sport è perché non ha logica”. Pierluigi Pardo, noto commentatore di Premium Sport, si esalta per uno degli avvenimenti di questo duemiladiciassette. Il Barcellona perde 4-0 in casa del Paris Saint-Germain e poi riscrive la storia al Camp Nou segnando tre gol negli ultimi minuti e battendo per 6-1 Cavani e compagni. Decisivo un gol allo scadere di Sergi Roberto che fa impazzire tutti gli amanti del calcio, esclusi ovviamente i tifosi parigini.

7 –  Sagan fa tris a Bergen

Peter Sagan, l’uomo Mondiale. Il corridore slovacco conquista per il terzo anno di fila il titolo di Campione del Mondo e lo fa con un’altra volata delle sue, bruciando la concorrenza. Un grande campione ma prima di tutto una grandissima persona visto che le sue prime parole post-gara sono dedicate a Michele Scarponi, tragicamente scomparso qualche mese prima.

6Vettel trionfa in Australia

La Rossa torna a ruggire. Nel primo Gran Premio dell’anno Sebastian Vettel domina a Melbourne Park rifilando un distacco abissale alle due Mercedes di Lewis Hamilton e Valtteri Bottas. Il segnale che qualcosa sta cambiando nella gerarchia del Mondiale di Formula 1. Poi la disastrosa trasferta asiatica toglie il sogno Mondiale al pilota tedesco che ci riproverà con ancora più forza nel 2018.

5 –  Dovizioso-Marquez Giappone

Andrea Dovizioso ha disputato un 2017 da assoluto protagonista. Si è dovuto arrendere al più forte di tutti, ma negli ultimi Gran Premi ha provato in tutti i modi a sovvertire un pronostico che ormai era chiuso in favore di Marquez. E lo ha fatto con questo sorpasso qui, al Gran Premio del Giappone a Motegi, che ha letteralmente fatto sobbalzare dal divano milioni di italiani.

4 –  Ritiro Bolt ai Mondiali di Londra 2017

Il Fulmine si ritira. L’uomo più veloce del pianeta lascia l’atletica leggera e lo fa con una sconfitta ai Mondiali di Londra 2017. Perché non esistono uomini invincibili, dando ancora più umanità a un personaggio che ha segnato l’inizio del terzo millennio. Gatlin trionfa a Londra, ma gli occhi, nonostante tutto, sono sul giamaicano. Meglio Usain Bolt o Carl Lewis? Ai posteri l’ardua sentenza.

3 –  Federer-Nadal  finale Aus Open

“Non ci sarà più una finale Slam tra Federer e Nadal”. E invece no. Perché le leggende vanno oltre il razionale, le leggende vanno oltre l’inimmaginabile. Lo svizzero e lo spagnolo si affrontano a Melbourne in una di quelle partite che sarà difficile dimenticare per il resto della vita. Vince Federer al quinto set dopo un match romanzesco, uno di quelli che solo questi due meravigliosi campioni ci hanno saputo regalare. E nessuno si azzardi a dire che è stato l’ultimo in uno Slam.

https://www.youtube.com/watch?v=mFIOGpIQtVU

2 – Francesco Totti e l’addio al calcio

Ventotto maggio duemiladiciassette. Una data indimenticabile per tutti gli amanti del calcio italiano e non. Francesco Totti lascia il calcio giocato e lo fa dopo una partita quasi drammatica – sportivamente parlando – visto che la Roma acciuffa la qualificazione diretta alla Champions League grazie alla rete di Perotti negli ultimi secondi. Poi solo lacrime per il capitano giallorosso che legge la lettera d’addio. Una delle ultime bandiere del calcio dice addio.

1 – Federica Pellegrini Mondiali Budapest

Eterna. La numero uno dello sport italiano stupisce ancora e lo fa con quegli ultimi 50 metri che l’hanno resa famosa in tutto il mondo. Una rimonta semplicemente straordinaria che rimarrà indelebile nella memoria di tutti gli italiani. Battuta anche Katie Ledecky, la gara d’addio nei 200 stile libero è senza dubbio la gara più bella. Esistono i fuoriclasse, esistono i campioni e poi esiste Federica Pellegrini.

https://www.youtube.com/watch?v=Rxba3UexNU4