F1, GP Arabia Saudita. Mario Isola: “Le gomme da utilizzare a Jeddah sono l’incognita più grande”

Partenza Formula 1 2018 - Foto Bruno Silverii Partenza Formula 1 - Foto Bruno Silverii

La penultima tappa del Mondiale 2021 di Formula 1, andrà in scena il prossimo weekend a Jeddah, in Arabia Saudita. Tra il 3 e il 5 dicembre si disputerà un GP su un circuito inedito, che si presenta estremamente veloce. È una tappa cruciale per la conquista del titolo con Max Verstappen e Lewis Hamilton divisi da soli 8 punti.

Saranno decisive anche le gomme che verranno impiegate in Medio Oriente. Pirelli ha scelto le tre mescole centrali della gamma, la selezione più utilizzata durante questa stagione. La C2 come P Zero White hard, la C3 come P Zero Yellow medium e la C4 come P Zero Red soft. La casa milanese ha comunicato che il circuito è una sfida ancora più ricca di incognite. Il tracciato infatti è appena stato completato e ci sono pochi dati su cui basarsi: “I dati esistenti e le simulazioni realizzate dai team suggeriscono che le tre mescole centrali della gamma siano la soluzione migliore e dovrebbero rispondere bene alle sfide che propone questo veloce tracciato, con una gara che si corre sulla distanza di 50 giri”.

Ha parlato di ciò che accadrà in Arabia Saudita Mario Isola, Responsabile F1 e Car Racing: “Jeddah rappresenta forse l’incognita più grande di quest’anno. La pista infatti è stata completata pochissimo tempo prima della gara. Possiamo contare solo sulle simulazioni fornite da F1 e dai team. Oltre che su pochissime altre informazioni che siamo riusciti a raccogliere per stabilire la nomination delle mescole. Questo circuito cittadino sembra essere diverso da ogni altro visto finora. L’alta velocità e l’alternarsi di curve veloci giocheranno sicuramente un ruolo importante nel determinare il comportamento dei pneumatici. Jeddah ha più curve di qualsiasi altra pista in calendario e una di queste – la 13 – ha anche un banking di 12 gradi. Quindi ci sono un bel po’ di fattori che terranno i pneumatici costantemente impegnati“.

About the Author /

Classe '96. Nasco in collina, poi lettere sul mare a Bari ma con le Dolomiti sempre nel cuore. Sciatore dall'alba del nuovo millennio, ho coniugato la passione dello sport alla scrittura. Su tutto sport invernali, poi ciclismo, nuoto, tennis, scherma e atletica, in ordine. Nel tempo libero cinema, libri, viaggi e sogni, e un romanzo d'amore.