Brescia, club risponde a polemiche dei tifosi del Pisa

Stadio Mario Rigamonti di Brescia - Foto Валерий Дед CC BY 3.0 Stadio Mario Rigamonti di Brescia - Foto Валерий Дед CC BY 3.0

“Il settore “Curva Sud Ospiti” dello Stadio Mario Rigamonti di Brescia ha una capienza al 100% di 1.029 posti a sedere. Il Club nel massimo rispetto delle normative anti Covid-19 vigenti ha aperto il Settore Ospiti al 75% consentendo l’accesso a 752 (biglietti venduti a tifosi ospiti) persone sui 770 posti a sedere disponibili in modo da garantire il distanziamento sociale ed evitare assembramenti”. Così il Brescia ha risposto, tramite una nota ufficiale, alle polemiche degli ultras del Pisa che hanno raccontato di essere stati “trattati da animali” in occasione del match tra le due squadre, aggiungendo che non sarebbero stati controllati i green pass al momento dell’accesso allo stadio.

PISA, I TIFOSI DENUNCIANO

“Il Brescia calcio specifica che il controllo dei Green Pass per accedere regolarmente all’impianto è stato effettuato durante il pre filtraggio e dunque verificato con minuziosità e consueta attenzione – dichiara il club – . Un piccolo mal funzionamento ai tornelli, dovuto alla lettura dei biglietti, non ha assolutamente impedito l’accesso dei tifosi ospiti nel rispettivo settore e tantomeno di verificare la corrispondenza tra documento di identità e il titolo di accesso. Brescia Calcio sottolinea il totale rispetto delle normative vigenti anti Covid-19 e la totale sicurezza dell’accesso all’impianto” si legge nella nota.