Salernitana-Empoli 2-4, Colantuono: “Subire tre gol subito distruttivo a livello mentale”

Stefano Colantuono - Udinese 2015/2016 - fotomenis.it

“Siamo in grandissima emergenza, terzini di ruolo effettivi non ne abbiamo, giocoforza siamo tornati alla difesa a tre che comunque in alcune partite della Salernitana aveva fatto una buona prestazione. Dopo dodici minuti eravamo sotto 0-3, rimetterla in piedi era dura e livello di testa e morale c’ha spaccato a metà, rimettere insieme i cocci in corsa era difficile. Nel secondo tempo abbiamo corretto qualcosa e la prestazione è stata buona. Siamo molto condizionati nelle scelte dai giocatori che abbiamo a disposizione, mancavano in tanti: non mi interessa degli assenti, ma quando le scelte vengono meno ne risente tutta la squadra”. Lo ha detto l’allenatore della Salernitana, Stefano Colantuono, al termine del match perso contro l’Empoli per 2-4 alla sua prima sulla panchina granata: “Ai ragazzi all’intervallo ho detto di far finta che stava ricominciando con 45′ di ritardo. Tenevamo molto a questa partita, doveva rilanciarci e tenerci agganciati ala classifica. Se prendiamo il primo gol dopo un minuto e subito dopo il secondo… La testa c’ha abbandonato e siamo usciti dal campo. Nel secondo tempo abbiamo provato qualcosa di diverso, si può ricominciare dalla difesa a quattro”. E su Ribery: “Come tutti i giocatori di altra categoria è il più facile da gestire. Parlare di lui è superfluo, ha fatto una partita importantissima, da grande giocatore quale lui è. Ce lo teniamo stretto, il nostro campionato passerà dalle sue partite”.