L’Inter manda un messaggio importante, prima vittoria contro una big: l’Atalanta si ferma ancora

Lautaro e Dzeko Lautaro e Dzeko, Inter - Foto LiveMedia/Luca Amedeo Bizzarri

L’Inter manda un gran messaggio al campionato. La sconfitta con la Juventus è stata un inciampo incastonato in tante buone prove tra campionato e Champions. Dopo le tante delusioni in trasferta e soprattutto nei big match, ammesso che quello del Gewiss Stadium si possa considerare tale, arriva finalmente l’acuto che mancava, quello contro un’Atalanta in caduta libera e arrivata alla quarta sconfitta in cinque partite, tre di queste però contro big come Lazio, Napoli e Inter.

Inter, appunto, ecco la prima vittoria di peso in una stagione fin qui dal doppio volto. Un 2-3, quello del Gewiss Stadium, che consente a Simone Inzaghi di andare in vacanza più sereno, anche se gli 11 punti di distacco dalla vetta sono sempre lì a testimoniare che si è in ritardo. Quantomeno, però, ormai l’Inter è rientrata nel gruppone delle squadre terrestri, di quelle che per ora possono giocare solo per il secondo posto.

La vittoria di Bergamo è meritata, arriva dopo tanta sofferenza, soprattutto in un primo tempo in cui serve ancora il gol subito per far scattare qualche molla in più. In svantaggio per il rigore di Lookman, l’Inter alza il baricentro e segna, in modo un po’ casuale, con Dzeko, on fire dopo gli ultimi gol. E’ l’episodio che fa da spartiacque, perché nel secondo tempo la Dea, troppo spesso ribaltata nelle ultime partite, nel secondo tempo fa fatica a trovare le giuste trame di gioco e ne approfittano i nerazzurri, che ancora con super Dzeko passano avanti. Il bosniaco è eccezionale nell’attaccare la porta, non sta facendo affatto rimpiangere Lukaku e dimostra di avere sempre una gran classe.

Gasperini tenta di affidarsi alla panchina, nel mentre Palomino assurge a protagonista assoluto. Lo era già perché torna in campo in extremis, per il forfait di Toloi, dopo la lunga squalifica per doping, nel secondo tempo si scatena e prima segna un autogol, poi la rete che la riapre. Ma non cambia il risultato e per l’Inter c’è la sesta vittoria nelle ultime sette, per l’Atalanta la quarta sconfitta nelle ultime cinque. La sosta farà bene a entrambe.