Nasce l’alfabeto della Gentilezza dello Sport, compilato da Silvia Salis

Silvia Salis - Foto Sportface

Nuova iniziativa della vicepresidente del Coni, Silvia Salis, che ha contribuito alla nascita dell’alfabeto della Gentilezza nello sport. Sono oltre ventimila le parole gentili che attraversano tutto il nostro Paese con gli alfabeti della gentilezza dei bambini per i grandi. Il progetto consiste nell’associare ad ogni lettere una parola che fa bene sia a chi la scrive, sia a chi la riceve e nasce da un’idea di Gaia Simonetti, ambasciatrice alla gentilezza del progetto Nazionale Costruiamo Gentilezza, guidato dal piemontese Luca Nardi.

Tra le parole più usate ci sono confronto, rispetto, squadra. Il progetto Costruiamo Gentilezza è sviluppato, in particolare, da una squadra di donne e uomini in tutta Italia per un totale di quasi 1.600 costruttori di Gentilezza, tra cui 190 assessori alla Gentilezza e allenatori alla gentilezza, che promuovono, in particolare, il terzo tempo. L’alfabeto della Gentilezza, inoltre, sarà il protagonista anche con Firenze, dei Giochi nazionali della Gentilezza dal 22 settembre al 2 ottobre prossimi. In quell’occasione il portiere dell’Empoli, Guglielmo Vicario, che fu tra i primi ad ospitare una famiglia fuggita dalla guerra, riceverà il primo Premio Costruiamo Gentilezza nello sport, promosso dall’Ussi Toscana e dall’Associazione Cor et Amor.